Mazda
+ 12
ULTIME NOTIZIE Motori
PRIME IMPRESSIONI
2 gior
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
4 gior
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
6 gior
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
2 sett
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
2 sett
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
3 sett
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
3 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 mese
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
1 mese
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
1 mese
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
13.11.2019 - 14:130
Aggiornamento : 19.11.2019 - 21:49

Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio

La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.

di Redazione
ALBEN

Sulla Mazda 3 tutta nuova, fresca di lancio quest’anno, debutta l’innovativo propulsore Skyactiv-X, unità due litri a benzina che impiega la tecnologia di accensione per compressione, simile a quella usata sui motori diesel: qualcosa di distintivo, come da tradizione Mazda, rispetto alle scelte che vanno per la maggiore tra i costruttori. A distinguere esteticamente il modello con il suo robusto carico di novità, in special misura sulla variante “hatchback” a cinque aperture che caratterizza l’auto di prova, è il design più affinato, affilato e minimalista della Casa.

Un po’ benzina, un po’ diesel: come funziona lo Skyactiv-X?
Il vero pezzo forte è l’innovativo propulsore “X”, che può vantare l’alternanza stabile tra accensione della miscela aria-carburante tramite scintilla e accensione indotta dalla stessa compressione, attraverso la tecnologia proprietaria Spark Controlled Compression Ignition (SPCCI): in ogni cilindro, la classica candela serve solo per accendere inizialmente una piccola e densa quantità di miscela aria-carburante; questa rapidissima espansione di fiamma e gas fa aumentare la temperatura e la pressione in modo che la rimanente miscela aria-carburante magrissima si auto-accenda sotto pressione come in un diesel, bruciando più velocemente e più completamente che nei motori benzina convenzionali. Il motore giapponese può anche impiegare la combustione tradizionale con sola accensione a scintilla, con passaggio impercettibile e senza interruzione, nei pochi intervalli di funzionamento (tra cui i regimi più elevati) in cui l’accensione per compressione non è possibile. Poiché lo Skyactiv-X consente una combustione estremamente magra, secondo la Casa il consumo si riduce drasticamente. Viene inoltre impiegato un sistema ibrido leggero tramite il generatore-motorino d’avviamento integrato (ISG), che converte in energia elettrica l’energia cinetica recuperata in decelerazione, immagazzinandola in una compatta batteria al litio, potendo inoltre “aiutare” il motore termico nelle fasi di partenza tramite la piccola spinta aggiuntiva generata da questo stesso sistema elettrico (7,9 CV). Lo Skyactiv-X è disponibile a partire da 31'990 CHF con trazione anteriore oppure integrale e cambi manuale o automatico.

Che carattere dinamico mostra questo motore innovativo?
Sul piano della guida, il tutto si traduce in una marcia soprattutto docile e fluida, perché in verità il due litri Skyactiv-X non reagisce con particolare vivacità agli impulsi dell’acceleratore, preferendo che gli si lasci l’agio di prendere giri con linearità: ha il classico comportamento delle unità aspirate, con coppia giusto sufficiente (224 Nm) ed erogata ad un regime intermedio (3000 giri), nonché potenza massima di buon livello (180 cv) ma raggiunta solo a 6000 giri. Se “spremuto” a dovere, permette in ogni caso alla Mazda3 di traguardare i 100 km/h con scatto da fermo in un soffio - meno di 9 secondi, anche grazie alla trazione integrale che converte ogni stilla di spinta in motricità ed al cambio automatico con marce intermedie piuttosto ravvicinate. Con consumi non così eccezionali, data la media di 7 l/100 km che abbiamo registrato più di frequente nelle nostre prove su ciclo misto. La media giapponese conferma l’indole piuttosto “ordinata” e lineare anche sul piano dinamico, prediligendo una guida cadenzata sul ritmo brioso senza eccessi per offrire il miglior equilibrio tra le curve; un po’ di grinta supplementare, infatti, mette in mostra un certo coricamento laterale, presente anche con modalità sportiva, insieme ad un po’ più di inerzia nei cambi di direzione. Caratteristiche che smorzano la voglia di dinamismo, al di là della pur buona tenuta di strada. Ad andatura costante la stabilità è irreprensibile e gli ausili attivi alla guida aggiungono il consueto “plus” di relax alla marcia, ad eccezione dei continui toni acustici che ne segnalano l’intervento; in autostrada il cambio con soli sei rapporti non permette regimi di rotazione particolarmente bassi, restando avvertibile il ronzio meccanico del motore – seppur sommesso – insieme a qualche fruscio aerodinamico.

Minimalista ma curato: l’abitacolo è confortevole.
L’abitacolo accoglie i passeggeri con un arredo che rispecchia fedelmente l’impostazione del design, suggerendo un evidente minimalismo in ogni dettaglio, seppur supportato da una buona ergonomia d’insieme e dall’impiego di materiali e finiture apprezzabilmente curati. La plancia ha uno sviluppo del tutto lineare, con bocchette centrali incorporate nella fascia orizzontale insieme ai compattissimi comandi della climatizzazione; lo schermo di navigazione e multimedia da 8,8” è sviluppato in larghezza e permette la visione suddivisa; posizionato parzialmente incassato nella zona superiore tra le due palpebre superiori, per essere comandato richiede di agire sul rotore al centro del tunnel. Complete le interfacce smartphone. La posizione di guida è convincente per spazio e personalizzazione, con poltrona comoda e volante di piccolo diametro, piacevole da impiegare; la libertà di movimento è altrettanto convincente sul divano posteriore, ma in questa zona manca ogni genere di allestimento: assenti sia le bocchette di aerazione sia prese Usb o 12V. La zona bagagliaio si ferma a sua volta ad una capienza giusto discreta, con una cubatura da 358/1026 litri e soglia di accesso un poco alta.

Mazda
Guarda tutte le 16 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 16:43:44 | 91.208.130.86