+ 18
ULTIME NOTIZIE Motori
TEST DRIVE
1 gior
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
4 gior
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
6 gior
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
2 sett
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
3 sett
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
3 sett
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
3 sett
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
4 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 mese
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
TEST DRIVE
09.10.2019 - 06:000

Ford Focus Active Wagon, la giardinetta veste “offroad”

L’allestimento crossover conferisce più relax e versatilità, grazie all’assetto rialzato e ai programmi aggiuntivi per la gestione della motricità. Vivace ed autorevole il 2.0 turbodiesel.

Active è la parola d’ordine nel mondo Ford per “traghettare” la gamma di modelli convenzionali verso l’universo Suv/crossover: una risorsa che insegue in verità la tradizione, popolare già con Volvo e Subaru e poi con Volkswagen, ma che in verità non fa che confermare anche sulla grande giardinetta intermedia tedesca tutta la bontà della soluzione. Non per tutti, certamente; ma cui va riconosciuto il pregio di incrementare la versatilità di impiego della vettura nonché la sua attrattiva estetica.

Solo estetica, o c’è anche sostanza in questa Focus “ognitempo”?
La Active Wagon di cui disponiamo per il test è una 2.0 turbodiesel Ecoblue da 150 cavalli (35'100 CHF in versione automatica), potenza che conferisce alla vettura bel altro carattere e piacevolezza di guida rispetto al pur pregevole 1.5, sempre a gasolio e per la verità non troppo distante in prestazioni pure (120 cv); entrambi sono equipaggiabili con la trasmissione automatica a otto rapporti, ma a bordo della due litri si nota subito la maggior elasticità nel traffico ordinario: basta molto meno acceleratore per muoversi spigliati e riprendere la propria andatura dopo un rallentamento, fattore che nell’impiego quotidiano significa tangibilmente più relax aggiunto. Il che non è poco, a ben vedere, tenuto conto dell’impiego a tutto campo cui è votata la “media” Ford. Dal punto di vista estetico, invece, la Active spicca in primo piano lo stile piuttosto ispirato al mondo off-road, evidente principalmente nei rinforzi protettivi in resina adottati lungo tutto il perimetro inferiore della vettura, includendo dunque archi passaruota e minigonne; frontale e posteriore guadagnano in aggiunta le finiture tipo alluminio per ricordare le piastre paracolpi delle 4x4. È inoltre estesa la scelta delle tinte di carrozzeria ed è disponibile il tetto in tinta a contrasto. Non è però solo scena, ma anche sostanza, poiché rispetto alla Wagon standard la Active guadagna un nuovo assetto, rialzato. E non di poco: anteriormente figurano 30 mm aggiuntivi di luce a terra, dietro fino a 34 mm. Viene infine estesa la gamma di modalità di marcia: oltre alle regolazioni standard di assetto previste su tutte le versioni (normale, Sport con irrigidimento di assetto e risposta sterzo, Eco) si aggiungono i due programmi esclusivi per superfici a ridotta aderenza (fango, neve e ghiaccio) nonché per la sabbia, dove viene permesso un maggior slittamento delle ruote motrici. Che sono unicamente anteriori, potendo però garantire con questa dotazione superiori possibilità di marcia su sconnesso e fondi naturali.

Come cambiano le caratteristiche di guida della Active?
La Wagon Active si lascia condurre con la stessa scioltezza delle altre versioni, ma è vero che l’assetto rialzato incide leggermente sulle qualità dinamiche del modello, aggiungendo un velo superiore di inerzia nei cambi di direzione combinati ad un appoggio in curva appena più ritardato: il carattere dinamico resta quello conosciuto ma addolcito e arrotondato, suggerendo dunque maggior relax e compostezza di marcia. Lo stesso sterzo, pur preciso e puntuale, appare più leggero e meno sensibile in modalità di marcia normale; sensazioni peraltro amplificate dalla presenza delle coperture invernali sull’esemplare provato, naturalmente più morbide e meno dirette nel trasmettere l’aderenza sull’asfalto. La modalità Sport restituisce certamente un piglio più fermo alla vettura, ma in questo caso ci si deve anche adattare alla maggior forza da esercitare sul volante e all’aggiunta di una soffusa rombosità artificiale diffusa attraverso l’impianto multimediale di bordo. La marcia ad andatura costante è peraltro molto confortevole e silenziosa, mentre il due litri turbodiesel garantisce scatto e rapidità in ogni condizione (0-100 km/h in 9,5 secondi, punta massima di 203 km orari) con una “voce” bassa e sempre contenuta, insieme a tutto il comfort della trasmissione automatica: con marce intermedie ravvicinate che permettono spunti e riprese ben convincenti ed un ottavo rapporto piuttosto lungo che limita notevolmente il regime di marcia ad andatura costante. I consumi stessi sono invidiabili, poiché sui percorsi misti della prova abbiamo registrato medie d’uso appena superiori ai 5 l/100 km: difficile chiedere di più da una station wagon di gamma intermedia ma comunque già abbondante nelle dimensioni, con lunghezza che arriva a 4,69 metri. A bordo, l’ambiente è immutato rispetto alle altre versioni e si distingue per l’arredo moderno, piuttosto ben curato nella scelta di materiali e finiture, nonché ben attrezzato. Notevole lo spazio a disposizione, con postura di guida generosa ed ampiamente personalizzabile e ampia libertà di movimento per chi siede dietro, dove l’unica pecca è l’assenza delle bocchette di ventilazione dedicate; navigazione e multimedialità sono complete, al pari della dotazione di ausili attivi alla guida, mentre sul piano del volume di carico la Focus Wagon non chiede di meglio che di partire in trasferta (608/1653 litri).

Trovi la Ford Focus Active Wagon da...

Carpoint SA

 

Via Monte Ceneri, 20A

 

6512 Giubiasco

 

+41 91 857 55 55

 

https://ford.carpoint.ch/

Guarda tutte le 22 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-10 17:23:49 | 91.208.130.89