+ 8
ULTIME NOTIZIE Motori
TEST DRIVE
3 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
4 gior
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
1 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
3 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
TEST DRIVE
3 sett
718 T: la Porsche Cayman “semplice” sa come farsi adorare
L’allestimento semplificato esalta le doti dinamiche della compatta coupé, attrezzata accuratamente sul piano tecnico: sterzo eccezionale e boxer da 300 cv regalano un “sapore” particolare.
TEST DRIVE
3 sett
Aston Martin Vantage AMR: l'anima prima di tutto
Generosa ed interessantissima la nuova offerta Aston Martin: la nuova Vantage è ora disponibile anche con il cambio manuale. Quale scegliere? La risposta è... dentro di voi.
TEST DRIVE
4 sett
Supra, nuova vita per la sportiva “top” Toyota
Dopo lunga attesa torna in vita la tradizionale coupé sportiva di punta della marca giapponese: forte del sei cilindri da 340 cv, spicca per la guida guizzante, incisiva e rapidissima.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
Morde la strada, aggredisce la pista: BMW M8 Competition
La grande coupé bavarese sfrutta tutta la tecnologia della divisione M per offrire un potenziale dinamico capace di renderla davvero rapida ed incisiva. Ma sempre piacevolmente “trattabile”.
TEST DRIVE
1 mese
Kia Sorento, regina di viaggio e di relax
La coreana al vertice della gamma Suv premia i passeggeri con una marcia fluida, versatile e conviviale, all’insegna dell’equilibrio e del comfort. Spazio ed abitabilità in rilievo.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
Turismo di gran carriera per la McLaren GT
Pensata per l’impiego quotidiano e sulle lunghe percorrenze, l’inedita sportiva inglese vanta un look più affusolato con molto più spazio per il bagaglio. Senza rinunciare alla sua anima corsaiola.
PRIME IMPRESSIONI
02.09.2019 - 06:000

Mitsubishi L200, evoluzione sopra e sottopelle

Il diffuso pick-up giapponese approda alla sesta generazione nuovo look, inedita motorizzazione turbodiesel 150 cv e funzionalità aggiuntive di marcia in 4x4. La guida conserva compostezza e relax.

L’universo pick-up è certamente protagonista nella produzione Mitsubishi, con il fortunato L200 diffuso in 150 paesi, nonché secondo modello più venduto al mondo per la Casa giapponese: anche per questo, gli sforzi di aggiornamento sulla generazione presentata nel 2015 vanno ber oltre i consueti contenuti di restyling, con novità di peso in tutti gli aspetti del veicolo.

Nuovo diesel Euro 6, con consumi omologati WLTP.
La sesta generazione si presenta in primo luogo forte di un look rivisto in profondità, che include, tra l’altro, il frontale e parte delle fiancate di nuovo disegno. All'anteriore, i gruppi ottici più sottili con linea di fuoco spostata in alto si sposano al profilo più massiccio di calandra e cofano motore; il look sposa il design Mitsubishi più recente, mentre le forme adottano più volume e decisione nelle forme. Telaio e scocca (separati) presentano ulteriori affinamenti nella resistenza e nella rigidità; l’impianto frenante è stato potenziato, mentre le sospensioni sono leggermente irrigidite su entrambi gli assali, con ammortizzatori anteriori maggiorati e balestre posteriori dotate di un foglio in più. Non cambiano le dimensioni: siamo sempre attorno ai 5,30 metri per la versione doppia cabina, con larghezza di 1,82 m e cassone di valide dimensioni (1,52 m x 1,47 m). Sotto il cofano, è inedito il motore turbodiesel: il precedente due litri e mezzo lascia il posto al più evoluto quattro cilindri 2.2 litri “prestato” dalla Outlander, caratterizzato da un livello di potenza unico per tutte le versioni contro le due precedenti varianti in gamma. I cavalli a disposizione diventano 150, erogati ad appena 3500 giri, con coppia massima di 400 Nm costanti tra 1750 e 2250 giri. La nuova unità include il trattamento post-combustione tramite AdBlue e risponde alle normative antinquinamento Euro 6d Temp, con consumi omologati già secondo il protocollo WLTP pari a 9,7 l/100 km su percorrenza combinata. Insieme al nuovo motore c’è un altrettanto inedito cambio automatico, ora a sei rapporti in luogo di cinque, che affianca nell’offerta la classica trasmissione manuale a sei marce, mentre il già sofisticato comparto di trazione integrale Super Select 4WD-II guadagna ulteriori funzionalità, nell’ottica di un’ulteriore crescita nelle già elevate capacità di marcia in fuoristrada.

Come cambia la guida del nuovo L200?
L’evoluto sistema 4x4 già contemplava la funzionalità della marcia integrale permanente (4H), innestabile fino a 100 km/h partendo dalla base a ruote motrici posteriori, oltre alle due modalità con differenziale centrale bloccato e marce ridotte; la novità è dunque costituita dall’inedita gestione elettronica Off Road, affidata ad un interruttore posto accanto al selettore 4WD, tramite il quale si possono selezionare differenti programmi di marcia in funzione del tipo di fondo: Ghiaia, Fango/Neve, Sabbia e Roccia. Ognuna di esse influenza risposta di gas, cambio automatico (se presente) e controllo di trazione con funzionalità simili al bloccaggio dei differenziali. In aggiunta, è disponibile il bloccaggio meccanico al 100% del differenziale posteriore. Al programma Off Road si aggiunge il controllo della velocità in discesa, regolabile dal conducente tra 2 e 20 km/h di velocità, in grado dunque di frenare automaticamente il veicolo mantenendone costante la velocità prescelta. Così equipaggiato, l’L200 si mostra ancor più autorevole nel fuoristrada tecnico, dove può affrontare inclinazioni laterali fino a 45° con validi angoli di attacco e uscita. Il tutto con una valida capacità di manovra nello stretto, nonostante gli ingombri ed il passo generosi, grazie al ridotto raggio di sterzata che si ferma ad appena 5,9 metri. Su asfalto, il Double Cab oggetto del test conferma le confortevoli qualità di marcia della serie precedente, con un comportamento composto e rilassante ed una guida discretamente precisa; la sterzata è abbastanza progressiva, seppur lenta, mentre il coricamento in curva appare sempre contenuto. Il nuovo motore ha un funzionamento elastico e regolare, sufficientemente rotondo – emerge un velo di ruvidità ai bassi – ma anche piuttosto silenzioso, tanto che ad andatura costante si avvertono praticamente solo i fruscii di origine aerodinamica; il cambio automatico a sei rapporti è svelto e piacevole nel funzionamento, con la marcia in più che permette maggior flessibilità nel misto e un comfort autostradale maggiore. Il cambio manuale, di serie, è solido e abbastanza preciso negli innesti, seppur contraddistinto da una manovrabilità tutt’altro che rapida. A bordo, l’ambiente rivisto in alcuni dettagli conserva finiture robuste, con accoglienza di buona qualità riservata ai passeggeri anteriori, unita ad una più che discreta libertà di movimento sul divano posteriore, adatto anche a percorrenze di media o lunga distanza. Cresce la lista degli assistenti attivi alla guida, “rinforzata” con monitoraggio angoli ciechi, frenata d’emergenza ed altro ancora. La nuova gamma L200 sarà in distribuzione da fine settembre con tre allestimenti e forbice prezzi compresa tra 28'950 e 44'950 CHF.

Trovi Mitsubishi L200 da...

Sant'Antonio Car Sa

 

Via Valle Maggia, 16

 

6604 LOCARNO

 

+41 91 756 60 10

 

https://www.santantoniocar.ch/

Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 06:00:02 | 91.208.130.85