+ 25
ULTIME NOTIZIE Motori
TEST DRIVE
2 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
4 gior
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
6 gior
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
1 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
2 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
TEST DRIVE
3 sett
718 T: la Porsche Cayman “semplice” sa come farsi adorare
L’allestimento semplificato esalta le doti dinamiche della compatta coupé, attrezzata accuratamente sul piano tecnico: sterzo eccezionale e boxer da 300 cv regalano un “sapore” particolare.
TEST DRIVE
3 sett
Aston Martin Vantage AMR: l'anima prima di tutto
Generosa ed interessantissima la nuova offerta Aston Martin: la nuova Vantage è ora disponibile anche con il cambio manuale. Quale scegliere? La risposta è... dentro di voi.
TEST DRIVE
4 sett
Supra, nuova vita per la sportiva “top” Toyota
Dopo lunga attesa torna in vita la tradizionale coupé sportiva di punta della marca giapponese: forte del sei cilindri da 340 cv, spicca per la guida guizzante, incisiva e rapidissima.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
Morde la strada, aggredisce la pista: BMW M8 Competition
La grande coupé bavarese sfrutta tutta la tecnologia della divisione M per offrire un potenziale dinamico capace di renderla davvero rapida ed incisiva. Ma sempre piacevolmente “trattabile”.
TEST DRIVE
1 mese
Kia Sorento, regina di viaggio e di relax
La coreana al vertice della gamma Suv premia i passeggeri con una marcia fluida, versatile e conviviale, all’insegna dell’equilibrio e del comfort. Spazio ed abitabilità in rilievo.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
Turismo di gran carriera per la McLaren GT
Pensata per l’impiego quotidiano e sulle lunghe percorrenze, l’inedita sportiva inglese vanta un look più affusolato con molto più spazio per il bagaglio. Senza rinunciare alla sua anima corsaiola.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
BMW M8 Competition Cabriolet, “pedigree” sportivo anche a cielo aperto
La meccanica di punta della divisione M Sport sprigiona grinta e dinamismo di vertice anche con carrozzeria convertibile: per un raro mix di esuberanza, sportività e coinvolgimento.
TEST DRIVE
1 mese
Ford Focus Active Wagon, la giardinetta veste “offroad”
L’allestimento crossover conferisce più relax e versatilità, grazie all’assetto rialzato e ai programmi aggiuntivi per la gestione della motricità. Vivace ed autorevole il 2.0 turbodiesel.
TEST DRIVE
28.08.2019 - 09:000
Aggiornamento : 09:32

BMW M2 Competition, ispirazione a fior di pelle

Più potente e più performante in curva, conserva ed anzi innalza accessibilità e “comunicativa” per offrire ulteriore armonia ed intensità della miglior guida sportiva a trazione posteriore.

La M2 va di fretta. Resta il vestito della Coupé standard, ma sotto il cofano le attenzioni della divisione M della marca bavarese si sono fatte più stringenti per regalare alla Competition (da 82’850 CHF) un carattere ulteriormente votato alla sportività: un dinamismo di gran temperamento che tuttavia ha il pregio di restare accessibile e comunicativo, nel pieno spirito dell’immortale concetto di Gran Turismo.

Carattere deciso ma non più difficile: così seduce la Competition.
Dal punto di vista estetico, poco cambia – se non dettagli – rispetto alla due porte conosciuta, peraltro mantenendo un look che più riuscito è difficile da immaginare, con in vista i suggestivi passaruota allargati. Sotto il cofano, però, la musica naturalmente cambia, e non sono solo i 40 cv guadagnati sulla M2 standard a consentire il grande salto di qualità. L’ottica della Competition è infatti quello dell’ulteriore crescita nel piacere di guida, moderno che più non si può sul piano dell’accessibilità e della versatilità, ma al tempo stesso estremamente classico nel carattere da trazione posteriore “pura”: tantissima aderenza al suolo, un avantreno che si inserisce con gran prontezza nelle curve, un acceleratore con cui “giocare” ancora di più in uscita di curva per dosare la chiusura della traiettoria sfruttando la maggior spinta del motore ed il lodevole lavoro del differenziale autobloccante. L’anima della M2 resta dunque quella della Coupé conosciuta con un “plus” aggiuntivo di grande intensità, poiché al crescere delle prestazioni non serve in fondo corrispondere una maggior sensibilità di guida, per goderne appieno: la compatta sportiva tedesca di punta ha il pregio di “parlare” al conducente con estrema chiarezza e progressione.

Come cambia la meccanica rispetto alla M2 Coupé?
Il merito è della scocca resa ulteriormente rigida e nelle ruote maggiorate, conservando al contempo un assetto sportivo sì, ma tutt’altro che estremo. Il rollio è minimo ma c’è sempre spazio per avvertire l’appoggio dell'anteriore ed il leggerissimo, progressivo sottosterzo che accompagna la crescente foga in ingresso di curva; la stabilità e sempre ben avvertibile e si ha chiara in ogni istante la quantità di aderenza impegnata, mentre la spinta a dir poco generosa del sei cilindri biturbo assicura lo scatto necessario per “chiudere” quando e come si vuole ogni volta. Si può aggredire il tracciato oppure guidare con più relax, in ogni caso assaporando ogni metro percorso al volante di questa coupé realmente ispirata: persino più interessante delle sorelle più ricercate e quotate, sotto il profilo del puro piacere di guida. Sotto il cofano pulsa infatti il “sei in linea” di tre litri con due turbocompressori, strettamente derivato dalle unità di M3 ed M4; qui con 410 cv disponibili da 5250 giri, ma sfruttabili in allungo anche oltre i 7000 giri per apprezzare il suono più metallico di questo frazionamento dalla rotondità piena ed un po’ magica. Seppur “sporcata” e resa più anonima dalla correzione stereo dell’impianto hi-fi di bordo; da fuori la resa è più intensa, con tanto di aggressivi scoppiettii in rilascio. La coppia è altrettanto robusta, 550 Nm già da 2250 giri, e permette di risultare altrettanto incisivi nelle fasi di ripresa quando si comanda il cambio automatico sequenziale manualmente sfruttando più l’elasticità per evitare la scalata: si può ben fare senza perdere in ritmo. Tanto più che la trasmissione M DCT a sette rapporti – in opzione al cambio manuale standard a sei marce – garantisce passaggi marcia notevolmente secchi e diretti nella regolazione più spinta del suo funzionamento, dotato di “set-up” indipendente rispetto alle modalità di guida per poter combinare la risposta del veicolo secondo la propria vocazione al volante.

Lo scatto è rabbioso, ma seduce la rotondità tra le curve…
Lo scatto da fermo, con questa soluzione tecnica, assicura la massima efficienza, con passaggio da 0 a 100 km/h in appena 4,2 secondi, ma anche i consumi più bassi: nelle nostre registrazioni nel corso del test su strade miste abbiamo rilevato medie attorno ai 9 l/100 km. Peccato però per l’autonomia ridotta, per via del serbatoio da 52 litri. A bordo, ci si sente dunque particolarmente ispirati e capaci, grazie alla formidabile comunicativa che offre la Competition; lo sterzo è preciso ma si lascia usare con parsimonia, l’armonia d’insieme è il cappello che lega ogni movimento progressivo della vettura, che in questo modo lascia avvicinare i propri, elevatissimi limiti con una continuità invidiabile che restituisce grande soddisfazione a tutti i livelli di guida. Con gran agilità nel misto stretto, una vera danza tra le curve, ed una bella incisività sul veloce. “Giocattolo” di pregio per chi ama guidare sfruttando le gioie della trazione posteriore, la M2 più spinta non rinuncia naturalmente ad un comfort valido, che la rende certamente sfruttabile senza fatica anche nel quotidiano; le stesse sospensioni non sono mai troppo rigide ed i sedili avvolgenti non affaticano. L’ambiente di bordo è accogliente ma lontano da ogni forma di ricercatezza, poiché il livello di finitura complessivo è piuttosto essenziale trattandosi di BMW; la seduta del sedile manca di regolazione in profondità, mentre stona un poco il pedale del freno di dimensioni compatte standard – solitamente maggiorato sulle auto con cambio automatico –, seppur in presenza di una frenata intensa e di qualità: ma con poche curve a disposizione, la M2 Competition si fa perdonare quasi tutto.

Trovi la BMW M2 Competition da...

Garage Torretta SA

 

via S.Gottardo, 109

 

6500 Bellinzona

 

+41 91 829 35 49

 

https://dealer.bmw.ch/torretta/it

Guarda tutte le 29 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 05:56:45 | 91.208.130.85