+ 12
PRIME IMPRESSIONI
14.06.2019 - 09:000

ASX, terza vita per il Suv Mitsubishi

Passano le stagioni, ma il crossover giapponese si concede un terzo restyling all’insegna della sostanza: look ampiamente rivisto, trazione integrale e nuovo motore due litri benzina da 150 cv.

Vi ricordate il quiz “Lascia o raddoppia”? E' un po' il concetto alla base del compatto crossover giapponese: la vettura, a dispetto dei dieci anni di vita e dei due precedenti restyling già archiviati, anziché avviarsi alla pensione si getta con slancio nel terzo aggiornamento, aggiungendovi oltretutto ulteriore sostanza. Aggiungendo, cioè, anche le quattro ruote motrici – ritorno che non resterà inosservato nel nostro Paese, così sensibile al fascino 4WD – ed adottando una motorizzazione benzina di maggior cubatura, da 1.6 a 2.0 litri: una bella scommessa sulla propria longevità.

Come evolvono “pelle” e meccanica della vettura giapponese?
A cambiare è in special modo il frontale, che riprende il design più recente e personale scelto da Mitsubishi per rendere più distinguibili i propri modelli (denominato Dynamic shield), combinando la mascherina cromata alle due estensioni a boomerang estese verso la zona inferiore del fascione paracolpi; proiettori affilati e fendinebbia rettangolari completano il nuovo “volto”, mentre in coda ulteriori dettagli aggiungono sostanza ed armonia al rinnovamento estetico. Ma dicevamo della nuova meccanica, che in effetti cambia e non di poco contenuti, carattere e prestazioni della ASX: in primo luogo il motore, sempre quattro cilindri e sempre aspirato, ma questa volta con due litri di cilindrata (“prestato” dalla gamma Outlander) per un considerevole balzo in avanti dai 115 cv del 1.6 per approdare a quota 150 cv, insieme ad una coppia che sale da 154 a 195 Nm; per dir la verità, si tratta di una scelta a dir poco controcorrente rispetto alla tendenza pressoché mondiale verso unità di piccola cubatura con sofisticati sistemi di sovralimentazione che regalano tanta elasticità e prontezza ai regimi più bassi, ma indubbiamente al compatto Suv giapponese questa unità più prestante porta in ogni caso maggior dinamismo e reattività alla pressione dell’acceleratore. Il due litri, privo di turbo, privilegia naturalmente i regimi medio-alti, ma in basso offre comunque un funzionamento regolare e sufficientemente reattivo; lo scatto da 0 a 100 km/h richiede 10,6 secondi con cambio manuale e trazione anteriore, mentre alla più appetibile variante 4WD con cambio esclusivamente automatico ne servono 11,7. Il che però non è una gran rinuncia. La trasmissione CVT Invecs-III si incarica infatti di assecondare con fluidità ed efficacia la ripresa di andatura, rendendo l’esperienza di guida godibile e reattiva anche in caso di sorpassi da effettuare con rapidità; come tutti i sistemi a variazione continua comporta un certo trascinamento del regime, ma quando si affonda il gas con maggior decisione vengono simulati sei rapporti fissi che rendono l’accelerazione acusticamente più gradevole. Insomma: promosso, tanto più nell’ottica dell’impiego quotidiano e familiare dell’auto.

La nuova meccanica quanto modifica il carattere di marcia?
Oltre alla maggior cubatura, la ASX raddoppia le ruote motrici tornando alla trazione integrale (che affianca alcune versioni a trazione anteriore), sistema a inserimento automatico a controllo elettronico completo di modalità 2WD, Auto e ripartizione uniforme della coppia (4WD Lock) tra i due assali per migliorare la trazione su fondi a scarsa aderenza. La guida non è propriamente sportiva, invitando soprattutto a ritmo e relax bilanciati, ma tra le curve l’auto si muove con buona maneggevolezza ed equilibrio, senza eccessivi coricamenti e con buona precisione nel seguire le traiettorie; il carattere è in verità smussato, ma favorisce l’impiego rilassato senza pensieri. Piacevole lo stesso comfort, con sospensioni che assorbono piuttosto armoniosamente le asperità ed un silenzio di bordo apprezzabile, pur con qualche ordinato fruscio anteriore. A bordo, l’abitacolo è ritoccato con altrettanta attenzione e, pur conservando qualche comando o dettaglio che ricorda gli anni di progetto, riesce ad offrire un’accoglienza gradevole e piacevole seppur tutt’altro che ricercata nei materiali e nelle finiture. La posizione di guida è in ogni caso godibile ed il sedile ampio e molto comodo, mentre dietro lo spazio per le gambe è adeguato. Pur mancando il passaggio per oggetti lunghi e qualsivoglia attrezzatura del tunnel centrale. Il sistema multimediale a centro plancia è inoltre evoluto, con diagonale maggiorata a 8” e navigazione TomTom sulle versioni più ricche, mentre la sicurezza attiva guadagna diversi assistenti pur mancando il regolatore di velocità attivo. La nuova gamma ASX sarà in distribuzione dal prossimo autunno, con prezzo (ancora indicativo) per la 2.0 4WD CVT annunciato al di sotto dei 25'000 CHF.

Guarda tutte le 16 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-22 00:02:13 | 91.208.130.85