+ 6
ULTIME NOTIZIE Motori
PRIME IMPRESSIONI
3 ore
Seat Mii Electric, vivace e scattante
Il debutto della marca spagnola nell’elettrificazione pura parte dalla citycar convertita a batteria: che è agile, ben brillante e piuttosto confortevole, con autonomia dichiarata di 260 km.
TEST DRIVE
2 gior
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
5 gior
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
PRIME IMPRESSIONI
21.09.2018 - 09:570

Quando le smart diventano unicamente elettriche

A patire dal 2020 le smart rinunciano al motore a benzina. Scusa più che valida per metterci al volante della nuova EQ, elettrica al 100%

Come mai smart ha scelto di commercializzare i propri modelli con il solo motore elettrico?
Per la sua filosofia concettuale, i vari modelli del marchio smart sono delle vetture cittadine dure e pure. Allo stato attuale, secondo smart la tecnologia relativa ai propulsori elettrici e a tutto ciò che ruota attorno è ormai più che matura per poter essere impiegata senza timori su una vettura che, per l’appunto, viene utilizzata prevalentemente in un contesto urbano. In realtà negli Stati Uniti d’America, in Canada e in Norvegia l’attuale generazione di smart viene già proposta con il solo motore elettrico; scelta che dal 2020 verrà estesa anche all’Europa.

EQ è quindi quella sigla con cui riconosceremo le smart elettriche?
In realtà si tratta di un marchio del gruppo Daimler con cui si identificano prodotti, servizi, tecnologie e innovazioni elettrificate ed ecosostenibili. In tal senso smart sarà il primo costruttore del gruppo a proporre sul mercato vetture 100% elettriche, mentre la stessa Mercedes-Benz seguirà nel 2019 con la EQ C recentemente presentata al pubblico senza veli. Giusto per fare un esempio la stessa sigla accompagna la Smart EQ control app, un’applicazione per smartphone attraverso la quale si può per esempio verificare lo stato di carica e gestire alcune funzioni da remoto, come l’attivazione dell’aria condizionata.

Entriamo un po’ più nei dettagli di questa smart EQ…
Il protagonista è sicuramente il motore, di fatto l’unica vera differenza rispetto alle smart tradizionali tutt’ora sempre in commercio. Eroga 60 kW (81 cv) e 160 Nm ed è alimentato da una batteria agli ioni di litio da 17,6 kWh di capacità, ubicata sotto il pianale. Quest’ultima, tramite ricarica rapida da 22 Kw, impiega 40 minuti per essere ricaricata dal 10% all’80%. Questo vale per tutti e tre i modelli della gamma (fortwo, fortwo cabro e forfour) per i quali variano solo leggermente i dati relativi all’accelerazione (0-100 km/h in 11,5 secondi nel migliore dei casi) e al prezzo, che parte da 23’900 CHF per la fortwo, da 24’900 CHF per la forfour e da 27’600 CHF per fortwo cabrio. La velocità massima e per tutte e tre limitata a 130 km/h.

In strada come si comporta?
Appare ben presto evidente che il motore elettrico offre ben più vantaggi che rinunce. Tanto per cominciare in città è molto comoda per l’assenza del cambio che ne fluidifica la guida e soprattuto per il fatto che eliminando i pistoni non v’è più traccia di qualsivoglia vibrazione. Come d’abitudine per le vetture elettriche lo spunto è notevole, tanto da scattare molto bene ai semafori e invitando da subito ad una guida frizzante. Per il resto è la smart di sempre: al posto del contagiri spunta un’indicatore di potenza istantaneo, ma nulla più. Anche l’abitacolo è invariato, compatto ma accogliente, spartano ma originale. Ragionando su una larga scala europea l’elettrificazione ha certamente senso per l’impiego cittadino, dato che i suoi acquirenti raramente tendono a coprire grandi distanze. L’autonomia reale, pari a circa 120 km, in tal senso è più che sufficiente, sebbene inizino a diventare un po’ pochini per chiunque intenda valutarne un utilizzo più esteso.

Guarda tutte le 10 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 09:11:12 | 91.208.130.85