+ 7
ULTIME NOTIZIE Motori
Novità
3 ore
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
2 gior
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
4 gior
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
1 sett
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
1 sett
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
2 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
2 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
3 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
3 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
TEST DRIVE
25.04.2018 - 06:000
Aggiornamento : 10:21

Anche la BMW Serie 5 si è (parzialmente) elettrificata

Propulsore ibrido plug-in anche per uno dei modelli storici di casa BMW. Un buon sistema che poco o nulla toglie al piacere di guida. Ecco come va.

L’attuale generazione della BMW Serie 5 colpisce prevalentemente per alcuni aspetti chiave. Tra questi l’elevatissimo comfort, l’abitacolo altamente pregiato e la modernità dei suoi sistemi di assistenza. Oltre, ovviamente, al piacere di guidare. Tutti elementi che BMW si è imposta di conservare anche per la motorizzazione ibrida plug-in, che per la prima volta debutta sullo storica berlina in commercio dal 1972.

Quali sono le caratteristiche del suo propulsore ibrido plug-in?
La formula è sempre la stessa: un piccolo motore a benzina (quattro cilindri, 2 litri, 184 cv) accoppiato ad un motore elettrico, che in questo caso vanta 113 cv di potenza e 250 Nm di coppia. Dalla loro unione risulta una potenza di sistema pari a 252 cv e 420 Nm di coppia, vale a dire l’equivalente di una 530i tradizionale con l’aggiunta di 70 Nm di coppia. In effetti anche i valori nello scatto da 0 a 100 km/h, coperto in 6.2 secondi, sono uguali alla 530i. La velocità massima si ferma a 235 km/h.  I numeri, insomma, ci sono.

Consuma poco?
Di principio le plug-in ibride offrono il loro massimo potenziale quando la percorrenza giornaliera è relativamente ridotta, cosicché la percentuale del chilometraggio coperta con la sola trazione elettrica sale e permette di risparmiare. Nel caso della 530e l’autonomia è pari a 30 chilometri, dopodiché a batteria scarica bisogna calcolare mediamente 6,8  litri di carburante per percorrere 100 chilometri. Che certo non sono tanti, ma dato che la stessa BMW propone dei motori a gasolio altrettanto parsimoniosi il confronto inizia a diventare un pochino stretto. D’altro canto la Serie 5 ha anche il grande pregio di mantenere il consumo basso anche durante le percorrenze autostradali, fatto non sempre scontato per un ibrida plug-in.

Il piacere di guida resta intatto?
Diciamo che, quando si procede con la sola modalità elettrica che permette peraltro di raggiungere una velocità massima di 140 km/h, la vocazione da ‘ammiraglia’ e il suo comfort diventano ancora più evidenti per via della silenziosità totale in cui si è avvolti. È una vettura indubbiamente nata per viaggiare, comodissima e morbida, che non stanca. E nonostante le dimensioni importanti è anche maneggevole grazie ad un raggio di sterzata ridotto. L’attivazione del motore a benzina è davvero impercettibile e persino nella guida più tranquilla lo sterzo consistente assicura un bel piacere di guida. Qualora si selezioni la modalità “SPORT” ci si accorge che il plug-in ibrido nulla toglie alle velleità dinamiche della Serie 5, eccezion fatta per le decelerazioni in cui i 230 kg di massa aggiuntiva iniziano a farsi sentire. Sebbene il rumore del 4 cilindri non sia particolarmente stimolante, la potenza combinata è ragguardevole e le curve si avvicinano più velocemente di quanto si sarebbe portati a pensare. Lo spunto è ragguardevole già dai regimi più bassi e la potenza molto equilibrata, senza metterei in crisi la motricità. È un’automobile che ti mette subito a tuo agio per la compostezza, per la comunicatività dello sterzo e per il fatto che puoi gestire il tutto tramite un vero cambio automatico, non sempre così diffuso sulle ibride.

Vale la pena acquistarne una?
Di principio non direi di no. Ci si porta sempre a casa una Serie 5, con tutte le qualità di marcia che conosciamo e un ambiente sempre pregiato quando ci si trova a bordo. A cambiare è solo lo sportello per la spina sul parafango anteriore e qualche badge, e anche dentro l’unica variazione la si riscontra nella strumentazione. La BMW 530e è nel complesso una vettura talmente armoniosa che non spicca per un pregio particolare, ma che nel suo genere ti convince per un pacchetto davvero completo di tutto quello che potresti richiedere ad una berlina di lusso alimentata da un motore ibrido plug-in. Anche il prezzo di partenza (70'500 CHF) potrebbe sembrare allettante, anche se attingendo alla ricca lista di accessori si può superare senza fatica quota 100'000.

Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 12:18:02 | 91.208.130.86