+ 6
ULTIME NOTIZIE Motori
PRIME IMPRESSIONI
5 ore
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
2 gior
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
4 gior
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
2 sett
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
2 sett
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
3 sett
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
3 sett
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
3 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
4 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
1 mese
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
1 mese
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
01.12.2017 - 18:000

L’Audi TT-RS e la riscoperta del cinque cilindri

È con lei che il cinque cilindri è ritornato a ruggire dopo un lungo ed immeritato silenzio. E la seconda generazione è più veloce che mai!

Pelle d’oca e brividi lungo la schiena. È quello che ti succede le prime volte in cui, in salita, premi con decisione l’acceleratore tra i 4’000 ed i 5’500 giri al minuti. Dai due grandi tubi di scarico posteriori, le cui valvole vanno tenute tassativamente aperte, fuoriesce una colonna sonora a cui nessun rallysta giusto può resistere: quella emessa dal cinque cilindri turbo grazie al suo particolare ordina di accensione (1-2-4-5-3) che dal 2009 è ritornato ad animare le Audi prima prima con la TT-RS e poi con la RS3.

Motore che è stato recentemente rivisto più o meno dalla testa ai piedi adottando un basamento e una pompa dell’olio in alluminio nonché una vasca dell’olio in magnesio, fatto che unito ad altre misure ha consentito un risparmio complessivo di 26 kg. Il 2,5 litri eroga ora 400 cavalli (60 in più della precedente TT-RS) e 480 Nm, questi ultimi disponibili costantemente da 1’700 a 5’850 giri/min, ed è al solito abbinato ad un cambio doppia frizione a 7 rapporti e alla trazione integrale. Quest’ultima ha beneficiato di alcuni aggiornamenti alla gestione elettronica, che lavorando in parallelo con il vettorizzatore di coppia agisce ora in maniera più predittiva e proattiva, per esempio frenando la ruota posteriore interna durante un cambio di traiettoria o trasferendo già in ingresso di curva una certa quantità di coppia al retrotreno. Ci troveremo di fronte ad una TT-RS completamente diversa?

Ciò che si evince tra le prima curve affrontate con tranquillità è che lo sterzo non presenta punti morti e che il motore, pur elastico, vuole mostrare i muscoli e divertirsi con te cercando ben più di un semplice passo allegro. Si presenta quindi l’impellente necessità di scegliere la modalità di guida “Dynamic" (è tuttavia disponibile anche la “Individual” per personalizzare in maniera indipendente risposta del motore, cambio, trazione integrale, sterzo, sospensioni e valvole di scarico) e saggiare le favolose prestazioni di questo storico cinque cilindri, che va spremuto in alto e richiede di essere portato al limitatore trovando vigore anche in prossimità della zona rossa, vicino alla quale nel contagiri spuntano tre indicazioni colorate (verde, giallo e rosso) che come sulle auto da corsa suggeriscono un cambio marcia. Il sound è ovviamente magnifico, sa va sans dire, ma l’occasione è anche giusta per una riflessione su questa plancia tanto spoglia quanto moderna ed accattivante.

Di interruttori ce ne sono pochi e persino tutta la gestione dell’infotainment è stato integrata nell’Audi Virtual Cockpit, una strumentazione interamente digitale e personalizzabile. Il tutto ricorda molto la R8 - supercar di casa ‘cugina’ della Lamborghini Huracan - in particolare perché anche qui il propulsore prende vita premendo un pulsante posto sul volante. E proprio come le vetture a motore centrale risulta adatta solo a due persone nonostante di fatto vi siano due sedili posteriori nei quali però trovano posto solo due bambini. Poco male che il bagagliaio, con i suoi 305 litri, si rivela abbastanza capiente. L’appeal sportivo dell’abitacolo si può ovviamente personalizzare a piacimento con le rispettive opzioni, mentre l’esterno è già notevolmente audace grazie alle grandi prese d’aria e alle pronunciate appendici aerodinamiche, che culminano con il bel alettone fisso posteriore.

A migliorare rispetto alla generazione precedente è sicuramente la drastica riduzione del sottosterzo, completamente sparito nelle curve lente e nei tornanti, facendo soltanto un’accennata e progressiva comparsa sul veloce senza tuttavia risultare frustrante. Il bello di essere al volante della TT-RS è da un lato sensazione di essere a pochi palmi di mano dal suolo (l’altezza complessiva è di 1,34 metri) e a bordo di qualcosa di leggero (1’440 kg la massa senza conducente). Pur non essendo molto comunicativo lo sterzo è pronto in inserimento e conserva sempre una bella precisione anche lungo le strade più “brutte”, dove nel complesso resta sempre governabile benché l’assetto rigido non ci metta molto a farti capire che preferisce gli asfalti più levigati. Nel complesso la TT-RS resta molto predittiva e sembra conoscere sempre in anticipo la tua mossa, con la piena potenza che arriva sempre oltre i 4’000 giri/min non appena riallinei il volante. Continua certamente a non trattarsi di un’automobile divertente in senso assoluto, bensì di una buona evoluzione della generazione precedente essendo ora più reattiva ai tuoi comandi e pronta a inserirsi in curva come vuoi tu giocando con sterzo e rilasci d’acceleratore. Ma sia chiaro: senza mai scomporsi.

 

SCHEDA TECNICA

Modello, versione Audi TT-RS
Motore 5 cilindri in linea, benzina (turbo), 2.5 litri, 400 cv, 480 Nm
Trasmissione Cambio doppia frizione a 7 rapporti, trazione integrale
Massa 1'440 kg
Accelerazione 0-100 km/h 3,7 secondi
Velocità massima 250-280 km/h (limitata elettronicamente)
Consumo medio 8,3 l/100 km (omologato)
Prezzo 86'750 CHF
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-06 11:35:25 | 91.208.130.87