+ 9
ULTIME NOTIZIE Motori
TEST DRIVE
1 gior
Renault Clio, uguale soltanto nel look
La nuova generazione conserva volutamente il design apprezzato, ma offre grandi evoluzioni nell’abitacolo così come nelle tecnologie di bordo. Eccellente il 1.3 turbo da 130 cv.
PRIME IMPRESSIONI
4 gior
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
6 gior
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
2 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
PRIME IMPRESSIONI
17.07.2017 - 00:390

Porsche Panamera 4 E-Hybrid – Rispetto per l’ambiente e amore per le prestazioni

Questa Panamera è capace di viaggiare in elettrico e di toccare i 280 all’ora. Contrasti che convivono perfettamente tra loro e con cui il futuro da un po’ meno paura.

In ambito automobilistico c’è chi il motore elettrico lo usa per tagliare le emissioni. E poi c’è chi, come Porsche, il motore elettrico lo usa sia per tagliare le emissioni che per incrementare le prestazioni. Potrebbe sembrare un contrasto quello che sta alla base della Porsche Panamera 4 E-Hybrid, ma altro non è che la trasposizione su una vettura di lusso del loro concetto di propulsore ibrido, il quale ha dato lustro di se nelle incredibili 918 Spyder (una delle pochissime vetture stradali a percorrere la Nordschliefe in meno di 7 minuti) e nella 919 Hybrid che lo scorso anno ha dominato il campionato mondiale endurance (WEC) e vinto le ultime tre edizioni della 24 ore di Le Mans.

Una Porsche Panamera con un ibrido Plug-In in realtà c’era già stata, ma il progresso tecnico avvenuto nel giro di qualche anno si è fatto decisamente sentire. La batteria ha ora una capacità maggiore (da 9,4 si è passati a 14,1 kWh) e la si può caricare comodamente con una comune presa domestica in meno di sei ore o addirittura in tre ore e mezzo tramite la ricarica rapida – il tutto ovviamente anche gestibile da remoto tramite apposite applicazioni. Batteria che alimenta un motore elettrico da 136 cavalli e 400 Nm, il quale si va ad aggiungere al V6 biturbo da 330 cv e 450 Nm generando una potenza combinata pari a 462 cavalli e 700 Nm di coppia. Partendo dal lato ecologista questo significa poter percorrere 51 chilometri dichiarati (circa 40 reali) con il solo motore elettrico nonché, con la batteria completamente carica, consumare appena 2,5 litri di benzina per i primi 100 chilometri. Dall’altro significa poter scattare da 0 a 100 km/h in appena 4,6 secondi e raggiungere una velocità massima di 278 km/h. Prestazioni quindi del tutto in linea con quelle di una Panamera 4S. Un grande valore aggiunto per il mercato elvetico è il fatto che questa nuova ibrida Plug-In abbia ora la trazione integrale.

Nonostante l’animo “green” alla guida c’è ancora spazio per le emozioni, e in questo caso non mi riferisco ai freddi numeri. Vi è infatti mai capitato di guidare un’ibrida che in rilascio emette dei scoppiettii allo scarico? Per noi è stata la prima volta e siamo stati contenti che fosse andata così. Come d’abitudine sono diverse le modalità di guida selezionabili. In quella esclusivamente elettrica, adatta all’impiego cittadino, c’è una bella potenza a disposizione per non essere d’intralcio al resto del traffico e si può raggiungere una velocità massima di 140 km/h. Nella modalità “Hybrid Auto” i due motori lavorano in perfetta sinergia per abbattere i consumi mentre nelle modalità più sportive il motore elettrico viene sfruttato per incrementare le prestazioni. E tranquilli: in quest’ultima si ritrovano lo spirito e le capacità dinamiche della Panamera di sempre, anche se i circa 230 kg di massa in più si fanno sentire.

 

Guarda tutte le 13 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-10 23:31:41 | 91.208.130.87