+ 9
ULTIME NOTIZIE Motori
TEST DRIVE
1 gior
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
3 gior
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
6 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
1 sett
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
2 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
SUBARU BRZ
24.04.2017 - 12:000
Aggiornamento : 25.04.2017 - 16:06

Trova le differenze

Piccoli aggiornamenti per la Subaru BRZ, realizzata a “quattro mani” con Toyota. Che è anche l’unica Subaru a non avere la trazione integrale

Dici Subaru e pensi trazione integrale. Ma non sempre. Né è la dimostrazione la BRZ, vettura gemella della Toyota GT86, realizzata congiuntamente dalle due case in un raro esempio di perfetta sinergia che ha da un lato restituito a Toyota una sportiva degna della sua storia, e dall’altro introdotto nella gamma della casa delle pleiadi una vettura estranea ai canoni del marchio proprio perché la potenza viene trasmessa alle due ruote posteriori. Bisogna tuttavia ricordare che il motore, avendo quattro cilindri contrapposti, proviene dalla più profonda tradizione del marchio e che gran parte dello sviluppo tecnico l’ha effettuato la stessa Subaru per Toyota.

All’inizio di quest’anno la BRZ è stata sottoposta ad un lieve aggiornamento, al pari della GT86, che però ha interessato un po’ tutta la vettura. Si inizia dall’esterno con nuovi fanali full LED, gruppi ottici posteriori (anch’essi a LED) ristilizzati e uno spoiler posteriore di nuova foggia che, come vedremo più avanti, apporta migliorie anche sul piano dinamico. Nell’abitacolo spicca un volante più piccolo, realizzato con nuovi materiali e comandi integrati, nonché uno schermo a cristalli liquidi a fianco del contagiri sul quale è possibile visualizzare diverse chicche tra cui le forze agenti sulla vettura, la potenza frenante, l’angolo di sterzata e via dicendo. Pure il sistema di Infotainment ha subito una rinfrescata.

Sul fronte tecnico, contrariamente alle versioni destinate agli Stati Uniti, non vi è stata nessuna modifica. Ciò significa che il propulsore eroga sempre ancora 200 cv e 205 Nm, accelera da 0 a 100 km/h in 7,6 secondi e tocca un velocità massima di 226 km/h. Significativi miglioramenti sono invece stati apportati sul piano dinamico con affinamenti al reparto sospensioni e soprattutto un’aerodinamica ottimizzata al fine di ottenere maggiore deportanza. Aspetti che purtroppo non abbiamo potuto verificare fino in fondo dato che il nostro primo contatto con la rinnovata BRZ è avvenuto nella fredda Lapponia. Tuttavia abbiamo potuto constatare il netto miglioramento per quanto riguarda il controllo elettronico di stabilità, in passato troppo invasivo nella modalità intermedia. Ebbene: la nuova modalità “Track” concede più libertà al guidatore, permettendogli di effettuare dei sovrasterai con angoli e velocità discrete, intervenendo con finezza e solo quando assolutamente necessario. Il che permette, a chi non è un assoluto esperto, di godere appieno delle qualità dinamiche della BRZ e della sempre più rara trazione posteriore senza correre inutili rischi. Anche se, dobbiamo ammetterlo, il massimo del divertimento il pilota esperto lo ottiene sempre ancora con l’elettronica completamente disinserita, opzione ovviamente possibile. E con un prezzo d’accesso di 36'900 franchi la BRZ dimostra una volta di più di essere uno dei modi più economici con il quale ci si possa divertire al volante.

 

Guarda tutte le 13 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 02:15:52 | 91.208.130.85