+ 10
ULTIME NOTIZIE Motori
Novità
6 ore
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
2 gior
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
4 gior
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
1 sett
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
1 sett
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
2 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
2 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
3 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
3 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
3 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
TEST DRIVE
4 sett
718 T: la Porsche Cayman “semplice” sa come farsi adorare
L’allestimento semplificato esalta le doti dinamiche della compatta coupé, attrezzata accuratamente sul piano tecnico: sterzo eccezionale e boxer da 300 cv regalano un “sapore” particolare.
TEST DRIVE
1 mese
Aston Martin Vantage AMR: l'anima prima di tutto
Generosa ed interessantissima la nuova offerta Aston Martin: la nuova Vantage è ora disponibile anche con il cambio manuale. Quale scegliere? La risposta è... dentro di voi.
PRIME IMPRESSIONI
01.04.2016 - 06:000

Range Rover Evoque Convertible

Un SUV-Cabriolet: fino a pochi anni fa una follia, oggi una realtà. Ecco le nostre prime impressioni dal vivo.

Eresia, azzardo, colpo di teatro? Niente di tutto questo. La Evoque Convertible, “dal vero”, offre molto più senso compiuto di quanto non lascino pensare l’idea sulla carta e le stesse fotografie, rendendo giustizia piena all’“invenzione” della Suv cabriolet. Intanto esteticamente. Certo, per certi versi il design davvero lineare ricorda da vicino la semplice operazione di taglio del tetto di una Coupé, ma poi i vari dettagli che ne completano la presentazione aggiungono in realtà completezza, ricercatezza ed elevata desiderabilità. Il profilo è “spesso”, date le fiancate particolarmente lavorate dell’auto, ma al tempo stesso essenzialmente filante e dinamico. Anche grazie al piccolo spoiler fisso posizionato a sbalzo sulla coda. La capote in tela ripiegata a vista, inoltre, offre un contrasto riuscito spezzando l’uniformità della tinta di carrozzeria, i poggiatesta posteriori in vista non disturbano l’estetica (sono inoltre presenti due roll-bar a scomparsa in caso di ribaltamento) ed anche a vettura chiusa l’estetica rimane apprezzabile. Un lavoro studiato nei dettagli, insomma, dove giusto il pannello frangivento posteriore (ripiegabile) appare un po’ troppo protagonista di una linea altrimenti molto filante.

Sin qui l’occhio, d’accordo. Ma la Evoque Cabrio ha tanto da dire anche in qualità di automobile da usare. Assai più, tutto sommato, della versione chiusa a tre portiere dalla quale deriva, peraltro sin qui poco apprezzata. Ma qui, le due sole portiere, più sportive, si armonizzano con assai maggior suggestione al cielo aperto, mentre l’inedita soluzione Suv-cabriolet libera sensazioni inedite. Cominciando dalla sistemazione rialzata dei passeggeri, che permette di apprezzare l’immersione all’aria aperta da una prospettiva assai più rialzata, panoramica e suggestiva, cui vanno aggiunti i vantaggi della maggior accessibilità e visibilità rispetto alla carrozzeria cabriolet classica. La capote in tela, dal canto suo, offre parecchia versatilità. Si apre in 18 secondi e si chiude in 21 anche in movimento, fino ad una velocità di ben 48 km/h; anche in velocità assicura un isolamento acustico di notevole efficacia – in autostrada si viaggia in un silenzio sostanzialmente paragonabile a quello di un’auto chiusa – ed infine, essendo più compatta di un hard-top pieghevole, ruba meno spazio al vano di carico. Non enorme, 251 litri, ma completato dalla botola per carico passante nell’abitacolo.

Dove ci si sistema sufficientemente comodi anche in quattro adulti: dietro, la libertà per le gambe (sufficiente, non oltre) e l’inclinazione dello schienale sono gli stessi offerti a bordo della Evoque “Coupé” chiusa. Unici inconvenienti della capote in tessuto, restano la maggior fragilità e l’offerta di un’unica colorazione nera, al contrario di altri costruttori che hanno in catalogo pure beige, blu, bordeaux: su un’auto di lusso, la personalizzazione non è meno importante di altri aspetti. Già, lusso: a bordo della Convertible in allestimento top HSE si respira la stessa atmosfera ricercata delle altre Evoque, con l’aggiunta di un comparto navigazione-infotainment totalmente rinnovato. Il nuovo InControl Touch Pro presenta un inedito schermo tattile da 10,2 pollici a sviluppo orizzontale (21:9) ed elevata risoluzione (1280x542 pixel), dotato di reattività al tatto e rapidità di scorrimento delle schermate realmente a livello smartphone; la base dati è fornita da un disco allo stato solido da 60 Gb, optional la connettività 3G permanente.

La meccanica non cambia, riproponendo ausili attivi alla guida, motori, trasmissioni e gestione con Terrain Response dell’eventuale trazione integrale (ci saranno in gamma anche le versioni a sola trazione anteriore) già conosciute sulla Evoque standard; per il test era disponibile la combinazione 2.0 turbodiesel con l’automatico a nove rapporti insieme alla trazione 4WD a controllo elettronico, soluzione “ogni tempo” che si adatta al meglio alle qualità dell’auto. Spicca in primo piano, al volante, la notevole rigidità della Convertible, tanto più apprezzabile nei passaggi di fuoristrada impegnativi che questa cabrio digerisce senza batter ciglio: anche a “twist” estremo, con due ruote sollevate dal suolo, portiere e bagagliaio si aprono senza incertezze né scricchiolii. A tutto vantaggio, tra l’altro, anche delle qualità dinamiche su asfalto. Il tutto si paga con un peso elevato, quasi due tonnellate, ma cavalli e coppia (430 Nm) conferiscono la giusta reattività. Seppur non bruciante: 0-100 km/h sopra i 10 secondi. Piacevole la precisione di guida, rilassante e rapido il cambio automatico ZF a nove marce, seppur talvolta incerto sul rapporto da scalare dopo un rallentamento; il “cugino” a otto rapporti, adatto a motori più potenti disposti longitudinalmente, offre più raffinatezza di funzionamento. L’inedita Evoque Convertible sarà distribuita in Svizzera a partire dal 15 giugno con prezzi compresi tra 57.900 e 68.600 CHF (tasse incluse).

 

Guarda tutte le 14 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 15:06:31 | 91.208.130.86