Immobili
Veicoli

RABATNamX, il suv a idrogeno che va a capsule 

26.05.22 - 07:00
Ha 6 serbatoi removibili che assicurano 800 km di autonomia
namx.tech
NamX, il suv a idrogeno che va a capsule 
Ha 6 serbatoi removibili che assicurano 800 km di autonomia

Nella corsa alla mobilità sostenibile c’è chi pensa che la propulsione a idrogeno - soprattutto quello “verde”, ossia prodotto solo da fonti rinnovabili - rappresenti ancora la soluzione migliore per l’ambiente e per l’uomo. A questo partito appartiene il brand NamX, azienda fondata dal marocchino Faouzi Annajah e dal designer Thomas De Lussac che ha assoldato un marchio prestigioso come Pininfarina per collaborare alla realizzazione di un particolare suv a idrogeno. Il suv NamX verrà presentato nei dettagli al prossimo Salone di Parigi, in autunno, e punta ad arrivare sul mercato nel 2025.

Intanto, però, sul sito di NamX è possibile osservare le prime immagini di questa vettura che si caratterizza per un design piuttosto sportivo e soprattutto per una scelta davvero originale: l’auto è infatti dotata di serbatoi removibili, sistemati nella parte posteriore, che permettono di fare rifornimento di idrogeno molto rapidamente e di coprire fino a 800 km con un pieno. Aprendo un portello nella parte posteriore della vettura, poco sopra il paraurti, si ha accesso a un vano che contiene il serbatoio principale e altre 5 capsule per idrogeno che sono estraibili e sostituibili: di fatto, è possibile caricare un nuovo serbatoio di idrogeno in soli 30 secondi e poi riprendere il proprio viaggio.

La soluzione trovata da NamX e Pininfarina nasce da un “ribaltamento” del lavoro dei designer, che sono partiti proprio dal disegnare la parte posteriore del suv, invece che quella anteriore come solitamente si fa. Il modello di ricarica di NamX rende la ricarica a idrogeno veloce e facile da effettuare, rendendo questo tipo di propulsione estremamente pratica.       

NOTIZIE PIÙ LETTE