Airbus.com
BREMA
24.06.2021 - 07:000

Nuovo passo verso gli Airbus a idrogeno

L’azienda ha aperto due centri per lo sviluppo dei serbatoi dei nuovi velivoli 

Airbus viaggia spedita verso la realizzazione dei suoi primi aerei a idrogeno. Il colosso multinazionale ha infatti compiuto un passo importante per trasformare in realtà i concept dei nuovi velivoli a emissioni zero realizzati nel corso degli ultimi anni. Airbus ha aperto due centri di sviluppo, con sedi a Brema in Germania e a Nantes in Francia, che lavoreranno per realizzare i serbatoi speciali dei futuri aerei a idrogeno. Per essere completamente sicuri, infatti, questi velivoli hanno bisogno di stoccare il carburante a temperature molto basse, attorno ai -250° C.

Le sedi scelte per il progetto sono finalizzate al raggiungimento dell’obiettivo: Brema è infatti la città di ArianeGroup, azienda che si occupa di sviluppo di progetti aerospaziali e per l’aeronautica militare tra le prime a operare in campo internazionale nello stoccaggio dell’idrogeno. Nantes, invece, è una città che ospita importanti centri di sviluppo nel campo delle tecnologie aeronautiche, come il Nantes Technocentre con cui Airbus avvierà una collaborazione. L’attività nelle due città europee verrà avviata entro il 2023, l’obiettivo è preparare i prototipi degli aerei a idrogeno entro il 2025, anno in cui dovrebbero iniziare i primi test.

La mobilità aerea a idrogeno è, al momento, il settore in cui la multinazionale ha intenzione di concentrare le sue risorse: è stato infatti abbandonato il progetto avviato in collaborazione con Rolls-Royce per la produzione di un aereo elettrico Airbus.    

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-24 21:27:26 | 91.208.130.87