+ 8
ULTIME NOTIZIE Mobilità
PHOENIX
6 ore
Badger, la risposta di Nikola a Tesla
L’azienda di Phoenix pronta a lanciare un pick-up a idrogeno da 900 cavalli
MILANO
1 gior
Pirelli, un simulatore per inquinare meno
Una nuova tecnologia permetterà di ridurre tempi di produzione e impatto ambientale
OSAKA
2 gior
X Tractor, per il futuro dell’agricoltura
La giapponese Kubota ha realizzato un trattore dotato di intelligenza artificiale
LEIDA
3 gior
Maveric, l’Airbus che punta ad abbattere i consumi
Presentato un prototipo di aereo commerciale che impiega il 20% di carburante in meno
DEARBORN
4 gior
Ford cambia cuore e pelle della GT
L’edizione 2020 ha un motore nuovo e una versione con la carrozzeria in fibra di carbonio 
REGGIO EMILIA
6 gior
XT70 Adventure, walkie talkie “estremi”
Device pensati per gli appassionati del fuoristrada in circostanze limite 
VARESE
1 sett
TheArsenale fa più “cattiva” la Dragster 800 RR
Il frutto della collaborazione tra MV Agusta e l’e-retailer di lusso
PALO ALTO
1 sett
Tesla mostra come funziona la guida autonoma
L’azienda californiana ha pubblicato un video che spiega come funziona l’autopilot
STANFORD
1 sett
La DeLorean a guida autonoma che fa drifting
Il singolare esperimento per un ingegnere della Stanford University 
MONTPELIER (USA)
1 sett
Usa, arrivano le targhe con gli emoji
La novità nello Stato del Vermont, ma immatricolare l’auto costerà il triplo 
DETROIT
1 sett
L’Hummer elettrico non è uno scherzo
Per anni simbolo dell’inquinamento, il veicolo della GM torna a emissioni zero
PRIME IMPRESSIONI
19.03.2018 - 06:000

Honda Civic: arriva il turbodiesel

Era il motore che mancava, e l’abbiamo già provato su strada. Il “millesei” da 120 cavalli piace per l’erogazione raffinata e i bassi consumi, sposandosi alla perfezione con il comfort della Civic.

A distanza di circa un anno dal lancio, la nuova generazione della Civic (la decima) riceve anche l’interessante unità i-DTEC a completamento della gamma. Offrendo prestazioni e costi di esercizio particolarmente ridotti, specie nell’ottica di percorrenze annuali medio-alte.

Sulla Civic precedente c’era già un 1.6 turbodiesel: è lo stesso motore?
La base di partenza della rinnovata unità è quella precedente, inclusa la cilindrata che rimane “centrata” su 1.6 litri. Tuttavia gli ingegneri giapponesi hanno rivisto e pressoché riprogettato ogni suo elemento, in modo da poter garantire prestazioni e qualità di funzionamento ulteriormente ottimizzate. Gli interventi operati sono profondi, includendo addirittura lo stesso blocco motore (in alluminio) che è stato irrigidito nella porzione centrale per ridurne le vibrazioni; rivisti pure albero motore e testate. I pistoni adottano poi l’originale costruzione in acciaio fucinato, in luogo della più diffusa lega leggera, per ridurre le perdite di raffreddamento, mentre la scorrevolezza nei cilindri è incrementata mediante un nuovo trattamento delle superfici di attrito. Grazie a questa “cura”, il rinnovato 1.6 i-DTEC montato sulla Civic (i prezzi partono da 30’700 CHF) si accontenta dunque di 3,5 litri/100 km di gasolio su ciclo misto (valori di omologazione), con emissioni di CO2 limitate a 93 g/km. Il trattamento dei fumi di scarico include un inedito convertitore di NOx montato sul collettore di scarico (sistema NSC), in aggiunta al catalizzatore standard. Potenza e coppia sono invece in linea con quelle della precedente versione: i cavalli sono 120 mentre la coppia tocca un picco di 300 Nm a 2000 giri.

Come si guida con il nuovo diesel?
Il funzionamento del nuovo i-DTEC appare particolarmente rotondo e raffinato, risultando molto apprezzabile in tutte le condizioni: è docile ed elastico già da basso regime, il che permette una bella “pigrizia” con il cambio poiché ci si può permettere di lasciare innestata una marcia lunga conservando comunque una valida capacità di ripresa; se invece serve vivacità o ci si vuole concedere un’andatura frizzante, le prestazioni a disposizione permettono scatto e variazioni di andatura del tutto autorevoli. Con partenza da fermo fino ai 100 km/h in 10,1 secondi. Il cambio è solo manuale, a sei rapporti, ma è decisamente godibile da manovrare grazie alla corsa ridotta della leva e agli innesti rapidi e secchi, pur talvolta accompagnati da una leggera rumorosità.

A bordo la Civic conserva la sua qualità di accoglienza?
Certamente, senza eccezioni: il diesel non perturba in alcun modo il livello di comfort, che si conferma di elevata qualità. Già piuttosto silenzioso in accelerazione, il nuovo 1.6 non è pressoché avvertibile una volta raggiunta un’andatura livellata. La Civic, inoltre, conserva tutte le ottime doti di telaio, che permettono maneggevolezza e rapidità nei cambi di direzione con pochi e precisi impulsi attraverso il volante. Altrettanto rimarchevole la stabilità, in tutte le condizioni. Inoltre, la presenza degli ammortizzatori regolabili nella durezza permette sia un certo maggior dinamismo di guida tra le curve, oppure un molleggio più soffice particolarmente adatto incontrando pavimentazioni stradali un po’ trascurate; la selezione è immediata, operata tramite un comodo pulsante a fianco della leva del cambio. A bordo, l’arredo resta invariato e si fa apprezzare per la qualità dell’accoglienza; i toni sono scuri e lo stile del tutto moderno nonché piuttosto appariscente. Molto comoda la sistemazione di guida, ben integrata nel veicolo, oltre che soddisfacenti sia la libertà di movimento per i passeggeri posteriori, sia la capacità di carico del bagagliaio.

Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-21 17:50:07 | 91.208.130.89