Keystone
ULTIME NOTIZIE Finanza
PAESI BASSI
1 anno
Panasonic sposta il quartier generale ad Amsterdam
La decisione è stata presa per evitare potenziali noie fiscali dovute all'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, decisa con il voto sulla Brexit
SVIZZERA
1 anno
Nel 2019 il prezzo dell'elettricità resterà stabile
Lo rivela un sondaggio dell'Aes su 31 fra i principali erogatori
ZURIGO
1 anno
Emmi, utile netto raddoppiato nel primo semestre
ll fatturato è rimasto praticamente stabile a 1,68 miliardi di franchi
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
SVIZZERA
1 anno
I farmaci per la pressione con il Valtarsan non sono contaminati
Lo conferma in una nota Swissmedic, dopo un allarme emesso a luglio
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
SVIZZERA
1 anno
Gli svizzeri amano gli articoli elettronici
La tendenza è ad acquistare prodotti sempre più costosi
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
SVIZZERA
10.08.2018 - 15:160

Il settore del fitness corre sempre più veloce

La Svizzera conta attualmente quasi 1'200 centri. E la concorrenza è sempre più agguerrita, complice anche l'ingresso sul mercato delle grandi catene

GINEVRA - Grazie ai grandi distributori Migros e Coop, il settore del fitness prosegue la sua forte espansione in Svizzera. Il Paese conta attualmente quasi 1'200 centri, per un giro d'affari stimato in circa 1 miliardo di franchi. Gli specialisti parlano di una concorrenza senza scrupoli.

«Si assiste a una lotta implacabile per attirare la clientela», ha dichiarato all'agenzia AWP Roland Steiner, direttore della Federazione svizzera dei centri fitness e di salute (SFGV).

Nella Confederazione vi sono circa 330 centri in più rispetto a tre anni fa, una crescita imputabile soprattutto al rafforzamento delle grandi catene quali Active Fitness (Migros), Update Fitness (Coop), et Let's Go Fitness (leader romando), che si è fatta a scapito delle piccole palestre indipendenti.

Il mercato è in espansione e lungi dall'essere saturo. Stando a un recente rapporto della società di consulenza Deloitte, circa uno Svizzero su otto, ovvero più di un milione di persone, è membro di un club di fitness. Questa penetrazione pone il Paese nel top 5 europeo, ma ancora distante dai grandi mercati britannico o tedesco.

In Romandia, Let's Go Fitness non nasconde le sue ambizioni. La catena ha quasi triplicato il numero di centri dal 2015. «Ne contiamo attualmente una cinquantina e non ci prendiamo più la briga di osservare ogni apertura talmente il tutto cambia velocemente», sorride il capo del marketing Thibault Fournier.

Let's Go riesce a reggere la concorrenza della Migros puntando sui giovani (target 18-35 anni) grazie a una presenza molto sostenuta sui social network. «Il settore è in pieno boom, poiché si inserisce in una ricerca del benessere, chiaramente nello spirito del tempo», sottolinea Fournier. «Il fitness è anche poco sottoposto ai rischi della congiuntura».

In futuro, Let's Go Fitness - che conta 550 dipendenti - conta di insediarsi nella Svizzera tedesca. Ma, nell'immediato, si adopera per fidelizzare la clientela, molto volatile come in tutto il settore.

L'appetito della Migros e della Coop

"Mastodonte" del settore, la Migros ha ancora assunto importanza con l'acquisizione l'anno scorso della concorrente ginevrina Silhouette da parte di Active Fitness. Tra la fine del 2016 e quella del 2017, il gigante arancione ha aumentato del 30% il numero di centri in Svizzera e ne conta attualmente "circa 127", precisa il suo servizio stampa.

Cinque nuove palestre apriranno ancora entro la fine dell'anno, fra cui uno a Ginevra-Pont Rouge. Il gruppo ha pure lanciato un nuovo formato discount, Only Fitness (abbonamento da 399 franchi annui), "molto ben accolto" dal pubblico.

Migros sottolinea che il tema della salute «fa parte del DNA del gruppo». Il fatturato globale dei centri fitness del grande distributore in Svizzera ha raggiunto i 240 milioni di franchi nel 2017 (+18% su un anno), per una quota di mercato del 25%.

Dal canto suo, la Coop ha scoperto più tardi i meriti del settore, ma vi ha rapidamente rimediato. Il gruppo ha rilevato Update Fitness due anni fa e gestisce oggi 35 centri di questa insegna «a buon mercato» (690 franchi annui), che diventeranno ben presto una quarantina. Il numero di membri è aumentato del 20% a 35'000 l'anno scorso.

«Cerchiamo di crescere in maniera durevole e partiamo dall'idea che un numero crescente di persone riconosceranno i benefici del fitness per la salute», precisa il servizio stampa della Coop.

Piccole palestre tirano la cinghia

Le piccole palestre indipendenti, invece, tirano la cinghia. «Abbiamo impiegato troppo tempo ad evolvere. Ed è molto difficile competere con la potenza del marketing delle grandi catene», osserva il loro direttore Roland Steiner. «La pressione sui nostri margini è enorme».

Secondo Steiner, tuttavia, esiste una nicchia nella quale profilarsi per "i piccoli centri", i senior. «Gli ultracinquantenni sono sempre più numerosi e capiscono bene l'interesse di allenare la loro muscolatura e la loro mobilità. Necessitano di personale mirato, ed è qui che possiamo profilarci», afferma.

I piccoli gestori rappresentano ancora due terzi dei centri fitness del Paese, ma in termini di fatturato, la proporzione è invertita. «Il fenomeno della sostituzione (dei piccoli da parte dei grandi) è reale», precisa ancora Steiner.
 
 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 21:44:42 | 91.208.130.85