Archivio Keystone
SVIZZERA
08.12.2017 - 18:540

Il gelo ha fatto crollare la produzione di mele

Il raccolto è sceso a 40.000 tonnelate, una cifra che non soddisfa la domanda interna. Swisscofel: «Siamo costretti a chiedere un'importazione straordinaria di almeno 6'000 tonnellate entro marzo»

BERNA - Le gelate tardive dello scorso aprile hanno avuto effetti disastrosi sulla produzione elvetica di frutta. Il raccolto di mele è crollato del 35% rispetto all'anno scorso, a 40'000 tonnellate, mentre quello delle pere addirittura del 70%, a 2000 tonnellate. Preoccupato, il settore chiede a Berna di poter effettuare importazioni straordinarie.

Per quanto riguarda le mele destinate alla vendita, i produttori svizzeri sono chiaramente al di sotto dell'obiettivo, che si situa fra le 56'000 e le 60'000 tonnellate, ha indicato oggi il Servizio di informazione agricola (LID). Alcune varietà, come Elstar, Rubinette o Cox Orange, sono esaurite, mentre le Boskoop devono già essere importate.

Visto che le mele svizzere non basteranno a soddisfare la domanda interna, Swisscofel - l'associazione svizzera del commercio di frutta, verdura e patate - ha inoltrato all'Ufficio federale dell'agricoltura una richiesta di importazioni straordinarie per almeno 6000 tonnellate entro marzo 2018.

La legge prevede infatti che le importazioni di mele siano possibili solo a partire da aprile e il tetto massimo è fissato a 2500 tonnellate. Il settore attende con fiducia una risposta da Berna, sottolineando come il 2017 sia stato un anno assolutamente eccezionale, che richiede misure altrettanto eccezionali, indica il LID.
 
 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Tags
mele
tonnellate
berna
produzione
importazioni
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-04-24 14:04:03 | 91.208.130.87