Fotolia
ULTIME NOTIZIE Finanza
PAESI BASSI
1 anno
Panasonic sposta il quartier generale ad Amsterdam
La decisione è stata presa per evitare potenziali noie fiscali dovute all'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, decisa con il voto sulla Brexit
SVIZZERA
1 anno
Nel 2019 il prezzo dell'elettricità resterà stabile
Lo rivela un sondaggio dell'Aes su 31 fra i principali erogatori
ZURIGO
1 anno
Emmi, utile netto raddoppiato nel primo semestre
ll fatturato è rimasto praticamente stabile a 1,68 miliardi di franchi
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
SVIZZERA
1 anno
I farmaci per la pressione con il Valtarsan non sono contaminati
Lo conferma in una nota Swissmedic, dopo un allarme emesso a luglio
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
SVIZZERA
1 anno
Gli svizzeri amano gli articoli elettronici
La tendenza è ad acquistare prodotti sempre più costosi
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, tariffe reciproche da 16 miliardi
Le misure, corrispondenti alla seconda tranche voluta dal presidente americano, sono entrate in vigore nelle scorse ore
TICINO/ITALIA
1 anno
«Qui è vietato fallire, ma anche avere successo»
Secondo Francesca Corrado, che ha fondato la prima scuola di fallimento, manca il diritto di sbagliare ma anche quello di considerarsi riusciti se non si "sfonda"
ITALIA/STATI UNITI
1 anno
Le sfide di Manley nel dopo Marchionne
Il nuovo ceo di Fca è chiamato a risolvere il nodo delle attività europee
SVIZZERA
19.12.2016 - 07:030
Aggiornamento : 10:31

Ok, la pizza è servita: a domicilio

È il cibo più ordinato (83%) dalla metà degli svizzeri che scelgono la consegna a casa: dove cominciano ad arrivare anche insalate, zuppe e alimenti sani.

LUGANO - Intramontabile pizza. Alla fine, quando la voglia di mettersi ai fornelli proprio non sovviene, né quella di riassettare i capelli e cambiarsi di vestito per uscire, resta la cena preferita: ritirata sulla soglia, dal fattorino che la porge ancora calda. In Svizzera si guadagna a mani basse il primato delle consegne a domicilio: l'83% la preferisce su tutto.

Seguono il kebab (22%) e il cibo cinese (21%), seconda e terza scelta nelle interviste a risposta multipla condotte da Eat.ch, secondo cui il "piatto porta a porta" è fuor di dubbio straniero. Come dire che la cucina elvetica merita altro rispetto; ma anche accontentarsi non guasta. E, se ripiego è, si mostra a ogni modo sempre più ambito. Il mercato del cibo recapitato a casa, su cui non a caso investono anche giganti dell'ecommerce come Amazon, ha quanto meno incuriosito almeno la metà degli svizzeri: che ammettono di avere ordinato almeno una volta negli ultimi mesi.

I numeri crescono a una velocità tale che ormai tallona il fenomeno diffuso del take-away, con 985 milioni di franchi di giro d'affari da una parte, 1¦200 milioni dall'altra e uno scarto che si promette di coprire entro breve. Magari proprio grazie a quei piatti della tradizione elvetica che, per il momento, restano ai margini, con un 10% neanche degli ordini. Ma a emergere è piuttosto un'attenzione sempre più marcata nei confronti dell'alimentazione sana.

Così, insalate e zuppe fanno capolino fra le opzioni dei preferiti. «Registriamo uno lento spostamento verso il cibo svizzero così come verso quello Thai – conferma Dominic Millioud, manager di Eat.ch – Ma possiamo riconoscere anche un chiaro trend salutistico». Il motivo può essere anche semplicissimo: e non nascondere dietrologia alcuna. Questione di percentuali: nel 2016 il numero di ristoranti healthy food è incrementato del 20% in più rispetto alle pizzerie, per esempio. 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Alice Ferrario 2 anni fa su fb
Beh, mi sembra ovvio considerato che, in proporzione, di alternative ce n'è ben poche... O no?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-24 02:24:04 | 91.208.130.85