ITALIA
13.10.2016 - 10:110

Annata nera per l'olio d'oliva italiano, soffre il Sud

Si prevede una resa in calo del 37% rispetto allo scorso anno e con prezzi attesi in forte rialzo

ROMA - Annata nera per l'olio d'oliva italiano: per la campagna di raccolta appena iniziata si prevede infatti una resa di 298 migliaia di tonnellate, in calo del 37% rispetto allo scorso anno e con prezzi attesi in forte rialzo.

La stima è di Unaprol-Consorzio Olivicolo italiano, che sottolinea come sia fisiologica un'annata in calo dopo il raccolto abbondante della scorsa campagna e come l'Italia rimanga comunque il secondo produttore mondiale dietro la Spagna e davanti la Grecia.

A soffrire è stata soprattutto la produzione delle regioni del Sud Italia che hanno dovuto fare anche i conti con la mosca olearia, parassita che attacca gli olivi.

Per la Puglia, primo produttore in Italia di olio, si stima una produzione in calo del 40%, a 242.169 tonnellate. Perdite ancora maggiori per la Sicilia (-42% a 52.409 tonnellate) e la Campania che crolla del 49% a 19.332.

Ci sono comunque al Nord regioni che sorridono. Per il Veneto in particolare si stima un incremento della produzione del 30%, a 1.761 tonnellate. E anche in Friuli e Trentino si prevede il segno più.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 11:16:38 | 91.208.130.85