USA/CINA
16.08.2018 - 13:300

Guerra dei dazi, prove di distensione (forse)

A fine agosto è previsto un incontro a Washington, ma a partecipare saranno solo figure secondarie

WASHINGTON - Fra una settimana esatta, giovedì 23 agosto, entreranno in vigore dazi per 16 miliardi di dollari sull’import cinese, che andranno ad aggiungersi ai 34 miliardi già attivi. La Cina risponderà con pari contromisure. Donald Trump sembra non accontentarsi: minaccia di colpire altri 200 miliardi di prodotti.

Una guerra in apparenza senza fine, ma dietro le quinte si prova a riaprire il dialogo, prima che la situazione degeneri davvero. Lo scrive il Wall Street Journal, secondo cui è imminente un incontro. Da Pechino, alla fine di agosto, una delegazione commerciale partirà per Washington. Un solo, non irrilevante problema: si tratterà di figure di secondo piano, a dimostrazione di quanto l'auspicata distensione fra le due potenze sia lontana. 

A maggio, a Washington era andato il vice premier Liu He, per incontrare i principali collaboratori di Trump sui temi economici. All'epoca sembrava essere stato concordato qualcosa di buono; forse troppo, tanto che Trump decise di rinnegare se stesso qualche giorno dopo. 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
washington
guerra
miliardi
dazi
distensione
trump
agosto
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-10-16 10:28:49 | 91.208.130.87