ULTIME NOTIZIE Finanza
PAESI BASSI
1 anno
Panasonic sposta il quartier generale ad Amsterdam
La decisione è stata presa per evitare potenziali noie fiscali dovute all'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, decisa con il voto sulla Brexit
SVIZZERA
1 anno
Nel 2019 il prezzo dell'elettricità resterà stabile
Lo rivela un sondaggio dell'Aes su 31 fra i principali erogatori
ZURIGO
1 anno
Emmi, utile netto raddoppiato nel primo semestre
ll fatturato è rimasto praticamente stabile a 1,68 miliardi di franchi
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
SVIZZERA
1 anno
I farmaci per la pressione con il Valtarsan non sono contaminati
Lo conferma in una nota Swissmedic, dopo un allarme emesso a luglio
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
SVIZZERA
1 anno
Gli svizzeri amano gli articoli elettronici
La tendenza è ad acquistare prodotti sempre più costosi
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, tariffe reciproche da 16 miliardi
Le misure, corrispondenti alla seconda tranche voluta dal presidente americano, sono entrate in vigore nelle scorse ore
TICINO/ITALIA
1 anno
«Qui è vietato fallire, ma anche avere successo»
Secondo Francesca Corrado, che ha fondato la prima scuola di fallimento, manca il diritto di sbagliare ma anche quello di considerarsi riusciti se non si "sfonda"
ITALIA/STATI UNITI
1 anno
Le sfide di Manley nel dopo Marchionne
Il nuovo ceo di Fca è chiamato a risolvere il nodo delle attività europee
CONFEDERAZIONE
11.06.2018 - 09:450
Aggiornamento : 11:11

Salari reali in calo: è la prima volta in dieci anni

La flessione è dell' 0,1%: colpa di un'inflazione dello 0,5% che ha abbassato il potere d'acquisto

NEUCHATEL - I salari reali sono diminuiti l'anno scorso in Svizzera per la prima volta dal 2008. L'aumento dello 0,4 in termini nominali non è infatti riuscito a compensare un'inflazione che è stata dello 0,5%, cosicché in realtà il potere d'acquisto dei lavoratori è sceso dello 0,1%, informa in una nota odierna l'Ufficio federale di statistica (UST). Il tutto senza contare i premi delle casse malattia e altre voci non incluse nelle statistiche sull'inflazione.

Tale crescita nominale, registrata in uguale misura nel settore industriale e nel terziario con variazioni settoriali, ha confermato la tendenza alla moderazione salariale osservata dal 2010, con tassi annui che non hanno superato l'1%, scrive l'UST in una nota. Nel 2016 l'aumento era stato dello 0,7%, nel 2015 dello 0,4%.

Generalmente - rileva l'ufficio federale - le decisioni relative agli adeguamenti salariali per il 2017 erano state prese alla fine del 2016, quando l'economia svizzera aveva ritrovato un certo dinamismo. L'inflazione, che in quel periodo era stata stimata allo 0,3% per il 2017, alla fine, è stata dello 0,5%. Pertanto, il potere d'acquisto dei salari è leggermente calato, attestandosi a -0,1%. A titolo di paragone, l'incremento dei salari effettivi negoziato per il 2017 nell'ambito dei principali contratti collettivi di lavoro (CCL), cui è assoggettato quasi mezzo milione di dipendenti, è stato dello 0,5%.

Settore industriale con forti variazioni settoriali

Nell'industria i salari nominali sono aumentati dello 0,4% (+0,4% nel 2016, +0,5% nel 2015, +0,9% nel 2014), con forti variazioni settoriali. Gli incrementi maggiori sono stati registrati nel ramo delle industrie del legno, della carta e della stampa (+1,3%) e in quello delle altre attività manifatturiere, della riparazione e dell'installazione (+1,0%). Segue poi l'industria che fabbrica prodotti di elettronica, ottica, orologeria e apparecchi elettrici (+0,8%) e, in ultimo, quella che fabbrica macchinari, apparecchiature e mezzi di trasporto (+0,7%).

All'opposto, hanno subìto una riduzione dei salari nominali i rami della metallurgia e della fabbricazione di prodotti in metallo (-0,2%) e quello dell'industria degli articoli in gomma e in materie plastiche e di altri prodotti minerali non metalliferi (-0,3%).

Terziario più equilibrato

Anche il terziario ha registrato nel 2017 un aumento dei salari nominali dello 0,4% (+0,8% nel 2016, +0,3% nel 2015 e +0,7% nel 2014), ma con variazioni settoriali più contenute. I rami dell'editoria, degli audiovisivi, delle attività radiotelevisive e delle telecomunicazioni (+1,2%) e quello delle attività informatiche e altri servizi informativi (+0,8%), seguiti dalle assicurazioni (+0,7%), hanno beneficiato degli aumenti nominali più elevati. Il ramo dell'amministrazione pubblica (+0,1%) e quello delle attività artistiche, di intrattenimento e divertimento e delle altre attività di servizi (0,0%) sono stati i più svantaggiati.

Salari reali: +0,9% in media tra 2013 e 2017

Per quanto riguarda i salari reali, sia il settore secondario sia il terziario hanno registrato un tasso negativo dello 0,1% nel 2017. La maggior parte dei rami ha subìto una riduzione compresa tra lo 0,8% e lo 0,1%.

Negli ultimi cinque anni (dal 2013 al 2017) il ritmo annuo medio della progressione dei salari reali è stato comunque, per l'insieme dei salariati, dello 0,9%.

Durante questo periodo, nel settore secondario l'evoluzione reale annua media è stata del +0,8%. I cosiddetti rami "di media-alta tecnologia", che sono anche i grandi rami esportatori del settore industriale, sono quelli che hanno influito maggiormente sull'aumento dei salari reali nell'arco di questi cinque anni.

Si tratta dei rami della fabbricazione di prodotti di elettronica, ottica, orologeria e apparecchi elettrici (+1,2%), dell'industria chimica e farmaceutica (+1,2%) e della fabbricazione di macchinari, apparecchiature e mezzi di trasporto (+1,0%). Gli altri rami industriali hanno presentato tassi di crescita annui medi compresi tra +0,5% e +1,0%.

Nello stesso lasso di tempo il settore terziario ha registrato un incremento annuo medio dei salari reali dello 0,9%. Le rivalutazioni più marcate dei salari reali sono state osservate nei rami dei servizi finanziari e delle attività ausiliarie dei servizi finanziari assicurativi (+1,3%), delle attività informatiche e altri servizi informativi (+1,1%) e nel ramo delle attività artistiche, di intrattenimento e divertimento e delle altre attività di servizi (+1,1%).

Gli aumenti reali medi più contenuti sono stati per contro registrati nel ramo del trasporto e magazzinaggio (+0,4%) e in quello della sanità, degli alloggi sociosanitari e dell'assistenza sociale (+0,6%).

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-24 04:40:24 | 91.208.130.86