STATI UNITI
08.03.2018 - 11:000

La frode finanziaria del "lupo di Wall Street"

Il paradosso: il film è un atto d'accusa contro le frodi della Borsa, ma sarebbe stato pagato con denaro illegalmente sottratto a un hedge fund malese

NEW YORK - In un certo senso è proprio un grosso paradosso. Perché The Wolf of Wall Street, pellicola di Martin Scorsese del 2013 che narra ascesa e caduta di un broker newyorkese interpretato da Leonardo di Caprio, mettendo alla berlina gli eccessi e le frodi della Borsa, grazie a una frode sarebbe stato realizzato. Sarebbe infatti stato finanziato con denaro sottratto illegalmente da un hedge fund malese, come dimostrerebbe il pagamento di una multa da 60 milioni di dollari in favore del dipartimento di giustizia.

Red Granite avrebbe sborsato il denaro senza batter ciglio, patteggiando la condanna invece di andare a processo. Gli investigatori dell'Fbi avrebbero infatti accertato che la società, cofondata da un figliastro del premier di Kuala Lumpur Najib Razak, ha girato il film utilizzando soldi provenienti dal fondo malese 1Mdb, travolto da un crac da 4,5 miliardi di dollari.

Non si tratterebbe dell'unco lavoro finanziato da denaro sporco e dall'amicizia di Riza Aziz, il figlioccio di Najib, con Low Taek Joh, ritenuto il responsabile della maxi-frode di 1Mdb. Anche "Scemo e più scemo" potrebbe essere coinvolto. 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Sandra Giovannini 6 mesi fa su fb
Matteo Thėo Rossi l'eleganza 👌
Potrebbe interessarti anche
Tags
denaro
wall street
street
wall
frode
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-09-25 11:39:40 | 91.208.130.86