Keystone
SVIZZERA
07.03.2018 - 11:320
Aggiornamento 11:59

Bannon: «Le criptovalute un'arma contro l'establishment»

Lo ha dichiarato l'ex braccio destro di Trump durante la sua conferenza zurighese di ieri sera

ZURIGO - Le criptovalute sono uno strumento importante per i movimenti europei contro l'establishment: «Consentono di togliere il controllo alle banche centrali e ridarci il potere». Lo ha detto l'ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon che ieri sera era a Zurigo-Oerlikon su invito del settimanale svizzerotedesco Weltwoche.

Bannon, 64 anni, ha parlato davanti a un migliaio di spettatori paganti del tema "La rivolta populista e i suoi risvolti globali per la Svizzera, l'Europa e gli Stati Uniti".

Per il suo primo intervento discorso in assoluto in Europa Bannon ha detto di aver scelto la Svizzera poiché è una piazza importante per le monete virtuali, ricordando che nel canton Zugo ci sono decine di società attive nel settore.

Bannon, pubblicista di destra e produttore cinematografico, ha accusato le banche centrali, i governi e le grandi aziende tecnologiche di usurpare i diritti e l'identità delle persone normali al fine di assoggettarli ai loro scopi.

Egli ha spiegato di essere in viaggio in Europa per farsi un'idea dei movimenti populisti e sostenere le rivolte contro il sistema politico dominante. In questo ambito ha affermato di aver scelto la Svizzera come prima tappa anche perché «nel 1992 ha dato una lezione al mondo: il dottor Blocher è insorto da solo contro l'establishment elvetico ed europeo; è stato un Trump prima di Trump».

Il tribuno zurighese dell'UDC ha combattuto contro Financial Times e Wall Street Journal, che lo hanno demonizzato e cercato di distruggerlo. Secondo Bannon egli ha lottato per una semplice ragione: tutelare uno stato indipendente.

Contro la visita di Bannon il Movimento per il socialismo (MPS) ha organizzato una manifestazione non autorizzata, svoltasi pacificamente, a cui ieri sera ha partecipato un centinaio di persone. Secondo l'MPS nella campagna elettorale l'allora stratega di Trump aveva puntato su razzismo e sessismo. Il presidente lo ha poi silurato lo scorso agosto.

9 mesi fa Bannon fan di Blocher: «È stato Trump prima che ci fosse lui»
Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Tags
bannon
trump
establishment
ieri sera
europa
criptovalute
sera
svizzera
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-12 20:58:26 | 91.208.130.86