Keystone / DPA
DANIMARCA
06.03.2018 - 11:460
Aggiornamento 17:31

Utili e fatturato in calo per Lego

L'azienda danese di giocattoli celebre per la sua linea di mattoncini ha chiuso il 2017 con un ribasso del fatturato dell'8% a 35 miliardi di corone danesi (circa 5,4 miliardi di franchi)

COPENAGHEN - Utili e fatturato in calo per Lego. L'azienda danese di giocattoli celebre per la sua linea di mattoncini ha chiuso il 2017 con un ribasso del fatturato dell'8% a 35 miliardi di corone danesi (circa 5,4 miliardi di franchi) dai 37,9 miliardi del 2016. L'utile netto é sceso a 7,8 miliardi di corone (circa 1,2 miliardi di franchi) da 9,4 miliardi dell'anno prima e l'utile operativo ha registrato una flessione del 17% rispetto al 2016 passando da 12,4 miliardi di corone a 10,4 miliardi.

Lego spiega in una nota che le vendite a livello globale sono state piatte registrando un rialzo negli ultimi mesi del 2017 e l'amministratore delegato Niels B. Christiansen ha ammesso che "il 2017 è stato un anno difficile e di non essere soddisfatto nel complesso dei risultati finanziari" anche se «abbiamo chiuso l'anno in una posizione migliore. Nel 2018 stabilizzeremo il business e investiamo per realizzare una crescita sostenibile nel più lungo termine».

Nel corso del 2017 - ha proseguito l'amministratore delegato di Lego Niels B. Christiansen - «i ricavi nei nostri mercati tradizionali sono calati principalmente per le iniziative che abbiamo intrapreso per ridurre le scorte e questo ha impattato sui margini operativi». Nel corso dell'anno Lego ha inoltre «semplificato e snellito la propria struttura organizzativa per raggiungere gli attuali requisiti aziendali, concludendo tutte le difficili operazioni previste». In questo modo «il nostro bilancio, il flusso di cassa e la profittabilità rimangono solidi», ha aggiunto.

A seguito di questi interventi «abbiamo iniziato il 2018 in una forma migliore - ha proseguito Christiansen - e nel corso dell'anno stabilizzeremo la nostra attività continuando a investire in prodotti importanti, nel marketing globale e nell'efficientamento operativo». Secondo il numero uno di Lego, però, «non ci sono scorciatoie e ci vorrà del tempo per raggiungere livelli di crescita a più lungo periodo».

Per Lego, comunque, a fronte di un calo dei ricavi nel Nord America e in Europa, «le vendite totali sono migliorate in alcuni di questi mercati, particolarmente negli ultimi mesi dell'anno». Ci sono inoltre opportunità - affermano dal quartier generale di Billund (Danimarca) - per «tornare a crescere in questi mercati, lavorando insieme ai nostri partner commerciali per allargare il più possibile l'esperienza di gioco con Lego a tanti bambini».

Lego punta poi molto sulla Cina, dove i ricavi «sono cresciuti a due cifre nel 2017" e dove ha sottoscritto un accordo con l'operatore internet Tencent, con l'obiettivo di "allargare la propria presenza in questo mercato strategico».

È prevista poi l'apertura di un ufficio a Dubai verso la fine dell'anno per sostenere l'espansione nel Medio Oriente e in Africa. Sempre nel corso dell'anno Lego proseguirà la sua partnership con il WWF, con l'obiettivo di ridurre le emissioni di Co2 e per raggiungere l'obiettivo di arrivare al 2030 utilizzando solo «materiali sostenibili».

È recente il lancio del primo prodotto in plastica vegetale derivata da canna da zucchero, che verrà introdotto sul mercato nel corso del 2018.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Tags
miliardi
fatturato
corone
lego
miliardi corone
franchi
miliardi franchi
utili
calo
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-09-23 20:42:42 | 91.208.130.86