Keystone
COSTA D'AVORIO
08.02.2018 - 18:440

In Costa d'Avorio prima crisi per l'organizzazione del cacao

È nata solo in ottobre. È in quest'area che si concentra il 60% della produzione mondiale

YAMOUSSOUKRO - Il "Consiglio caffè-cacao" (Ccc), la nuova organizzazione del comparto in Costa d'Avorio, creata solo nell'ottobre scorso, sta già vivendo la "prima grave crisi".

Lo sottolinea il sito di Jeune Afrique segnalando il siluramento del vice-direttore generale del Ccc, Lamine Claude Bamba.

Il direttore generale Yves Brahima Koné "ha chiesto e ottenuto" le dimissioni volontarie dell'alto funzionario accusato di aver preso "da solo" decisioni pesanti come l'attribuzione diretta di un totale di circa 180 mila tonnellate di fave a multinazionali e operatori nazionali "fuori dal sistema abituale di vendita".

In dicembre la Costa d'Avorio, all'apertura della campagna di vendita del cacao, ha vissuto un crollo delle quotazioni a causa della ristrutturazione della filiera e della lotta all'esportazione clandestina verso il Ghana, sua principale concorrente.

E' in questi due paesi dell'Africa occidentale che si sviluppa più del 60% della produzione mondiale del cacao, stimata in 4,7 milioni di tonnellate l'anno, ricorda Jeune Afrique.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Tags
cacao
avorio
costa
costa avorio
organizzazione
crisi
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-08-20 22:12:22 | 91.208.130.87