Keystone
COSTA D'AVORIO
08.02.2018 - 18:440

In Costa d'Avorio prima crisi per l'organizzazione del cacao

È nata solo in ottobre. È in quest'area che si concentra il 60% della produzione mondiale

YAMOUSSOUKRO - Il "Consiglio caffè-cacao" (Ccc), la nuova organizzazione del comparto in Costa d'Avorio, creata solo nell'ottobre scorso, sta già vivendo la "prima grave crisi".

Lo sottolinea il sito di Jeune Afrique segnalando il siluramento del vice-direttore generale del Ccc, Lamine Claude Bamba.

Il direttore generale Yves Brahima Koné "ha chiesto e ottenuto" le dimissioni volontarie dell'alto funzionario accusato di aver preso "da solo" decisioni pesanti come l'attribuzione diretta di un totale di circa 180 mila tonnellate di fave a multinazionali e operatori nazionali "fuori dal sistema abituale di vendita".

In dicembre la Costa d'Avorio, all'apertura della campagna di vendita del cacao, ha vissuto un crollo delle quotazioni a causa della ristrutturazione della filiera e della lotta all'esportazione clandestina verso il Ghana, sua principale concorrente.

E' in questi due paesi dell'Africa occidentale che si sviluppa più del 60% della produzione mondiale del cacao, stimata in 4,7 milioni di tonnellate l'anno, ricorda Jeune Afrique.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-02-23 12:45:45 | 91.208.130.87