Keystone
GINEVRA
08.02.2018 - 17:290

ABB Sécheron, gli impiegati chiedono una conciliazione

Un centinaio di collaboratori ha approvato oggi l'idea di rivolgersi alla Camera delle relazioni collettive del lavoro

GINEVRA - Deluso dalla decisione della direzione di non riaprire le trattative sulle condizioni di partenza in seguito al progetto di delocalizzazione del sito ginevrino, il personale di ABB Sécheron chiede ora una conciliazione.

Un centinaio di collaboratori ha approvato oggi l'idea di rivolgersi alla Camera delle relazioni collettive del lavoro, indica una nota odierna del sindacato Unia.

I collaboratori ritengono che rimangano aperte ancora diverse questioni dopo l'annuncio da parte del management della soppressione di 85 posti fissi, dopo il centinaio previsto all'inizio, a causa dello spostamento in Polonia della produzione di trasformatori.

Il personale aveva di recente chiesto l'apertura di discussioni sui nuovi impieghi che dovrebbero essere creati nell'ambito dell'istituzione a Meyrin (GE) di un centro di competenza per la mobilità sostenibile. I dipendentiti sospettano l'assenza di una volontà concreta di impegnarsi da parte di ABB.

Il personale intende inoltre ottenere maggiori ragguagli sulle misure di accompagnamento volte alla riconversione professionale delle persone toccate dal taglio occupazionale. Oltre ai posti fissi, una cinquantina di lavoratori interinali perderanno il posto.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Tags
abb
conciliazione
personale
centinaio
sécheron
abb sécheron
collaboratori
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-10-17 14:25:26 | 91.208.130.87