Keystone
Jan Jenisch
SVIZZERA
22.05.2017 - 07:300

Jan Jenisch alla testa di LafargeHolcim

Sostituirà l'attuale CEO Eric Olsen, dimissionario in seguito allo scandalo dei pagamenti a gruppi armati siriani

ZURIGO - Jan Jenisch è il nuovo CEO di LafargeHolcim. L'attuale presidente della direzione di Sika sarà alla testa del numero uno mondiale del cemento a partire dal prossimo 16 ottobre, ha indicato oggi in una nota LafargeHolcim.

A succedergli, dal primo luglio, alla presidenza di Sika sarà Paul Schuler. Il 62enne, che lavora in seno alla società da 29 anni, è attualmente responsabile della regione Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) del produttore di specialità chimiche con sede a Baar (ZG).

Il 50enne Jan Jenisch guida Sika dal gennaio 2012.«Sotto la sua direzione, Sika ha sviluppato le sue attività su nuovi mercati, stabilendo nuovi punti di riferimento in termini di performance di vendita e redditività», ha precisato LafargeHolcim nel comunicato odierno. La capitalizzazione borsistica del gruppo è più che triplicata e la società ha fatto il suo ingresso nell'indice dei valori guida SMI.

«Jan Jenisch è un dirigente molto rispettato per la sua capacità a generare eccellenti risultati ed è dotato di una conoscenza approfondita del settore dei materiali di costruzione», ha commentato Beat Hess, presidente del consiglio di amministrazione di LafargeHolcim, citato nella nota. Anche gli esperti di Bryan Garnier giudicano la notizia in modo positivo per l'azienda zurighese: «Jenisch è esperto e Sika gode di finanze e reputazione solide», hanno precisato. Inoltre, il nuovo direttore generale non proviene dalla francese Lafarge o dalla sangallese Holcim, che nel 2015 si erano fuse mettendo alla luce il colosso del cemento. ySi tratta probabilmente di un vantaggio», hanno rilevato gli analisti.

Jenisch prenderà il testimone dall'americano Eric Olsen, che aveva rassegnato le dimissioni in aprile in seguito alle accuse di finanziamento indiretto a gruppi armati siriani mosse nei confronti del gruppo. Al termine di un'inchiesta indipendente, LafargeHolcim ha confermato di aver commesso errori nel Paese mediorientale. La filiale locale, per mantenere le attività di uno stabilimento situato a Jalabiya (150 chilometri a nord-est di Aleppo), aveva stanziato fondi a terzi per trovare un'intesa con i gruppi armati.

Stando al cda Olsen, che lascerà il suo posto a metà luglio, non poteva sapere ciò che avveniva, né essere considerato responsabile di quanto accaduto. Per evitare ulteriori tensioni, il manager statunitense con passaporto francese aveva comunque preferito abbandonare il ruolo di CEO.

LafargeHolcim è presente in 90 nazioni e impiega circa 100'000 lavoratori. Nel primo trimestre 2017 ha ottenuto un utile di 262 milioni di franchi, mentre il suo fatturato si è attestato a 5,63 miliardi.

 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
jenisch
lafargeholcim
sika
jan
jan jenisch
testa
gruppi
ceo
gruppi armati
olsen
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-23 22:40:00 | 91.208.130.87