keystone
Olaf Scholz
GERMANIA
13.02.2018 - 21:280

Colpo di scena nell'Spd: sarà Scholz il traghettatore

Dopo le dimissioni di Martin Schulz, l'incarico di commissario ad interim del partito è stato affidato al sindaco di Amburgo

BERLINO - Grande è il caos sotto il cielo dell'Spd e ancora una volta, l'ennesima in pochi giorni, la politica socialdemocratica regala esiti imprevisti. Dopo le dimissioni annunciate dall'ex leader del partito Martin Schulz la settimana scorsa (e il successivo passo indietro anche dal governo), oggi a sorpresa è arrivato un altro colpo di scena: l'incarico di commissario ad interim del partito è stato affidato al sindaco di Amburgo, Olaf Scholz, ministro delle Finanze in pectore nel prossimo governo di grande coalizione.

Completamente disattese le aspettative di chi immaginava l'attuale capogruppo dell'Spd in parlamento, Andrea Nahles, alla guida del partito da subito, così come aveva proposto lo stesso Schulz pochi giorni fa.

Il direttivo del partito, riunito nel pomeriggio, ha comunque votato all'unanimità perché la ministra del Lavoro uscente sia proposta per l'elezione come nuova leader nel corso del prossimo congresso Spd, il 22 aprile a Wiesbaden. In quell'occasione potrebbe essere eletta. Ma a questo punto il condizionale è d'obbligo.

Riavvolgendo il nastro degli avvenimenti degli ultimi giorni si ha l'immagine di un partito travolto da uno scontro tra la base e il vertice. Il piano era semplice: Schulz avrebbe dovuto passare il testimone a Nahles direttamente al congresso di aprile del partito. Poi è subentrata l'idea che nel delicato passaggio del referendum interno agli iscritti delle prossime settimane (che dovrà dare l'ultimo e nient'affatto scontato via libera alla Grosse Koalition) Nahles avrebbe potuto assumere in forma commissariale la guida del partito, per evitare un vuoto ai vertici. Non una novità assoluta per l'Spd, che già in passato ha avuto altre esperienze di commissari ad interim. Ma un passaggio semplice in altre condizioni ha generato stavolta un crescendo di critiche tale da dare vita addirittura ad una contro-candidatura, quella della sconosciuta sindaca di un paese dell'estremo nord della Germania, ai confini con la Danimarca, Simone Lange di Flensburg.

L'obiezione dei contrari al passaggio di testimone a Nahles - che vanno dal sindaco di Berlino Michael Mueller ai circoli No-Gro-Ko sparsi per la Germania - è stata sul metodo. La guida del partito, la tesi, non dovrebbe essere decisa, nemmeno per un tempo limitato, da un circolo ristretto di persone e lo statuto prevede che al ritiro di un presidente segua una nuova elezione entro i successivi tre mesi nel corso del congresso. Non è una questione di nomi, ha tenuto a precisare il sindaco di Berlino nel manifestare la sua contrarietà al passaggio di consegne a Nahles.

La decisione di oggi del direttivo ha tenuto conto delle proteste per cercare di arginare il caos, che rischia di far implodere uno dei più antichi partiti politici d'Europa. E soprattutto, almeno nell'immediato, di far naufragare il nuovo governo di coalizione guidato da Angela Merkel.

1 sett fa Schulz lascia la guida della Spd
Commenti
 
Evry 1 sett fa su tio
Sara e saranno sempre CRUCHI !!! con la ..... nel DNA !
lo spiaggiato 1 sett fa su tio
@Evry Preferivi che i crucchi mettevano lì un vietnamita?... :-))))))
Tags
partito
spd
nahles
passaggio
sindaco
schulz
scena
colpo
governo
berlino
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-02-26 00:37:33 | 91.208.130.87