GERMANIA
19.10.2015 - 18:350

Post razzisti contro i richiedenti l’asilo: tre manager di Facebook indagati

Alcuni incitano a “fare fuori questi pseudo-profughi”.

AMBURGO - In una Germania alle prese con un afflusso di profughi e migranti senza precedenti nel passato più recente e scossa da preoccupanti tensioni xenofobe, non mancano su Facebook le incitazioni all’odio e i propositi razzisti. Finora, tuttavia, sono stati gli autori stessi di questi post a essere perseguiti. Ora, però, il Ministero pubblico di Amburgo alza il tiro: tre manager di Facebook Germania sono stati infatti iscritti nel registro degli indagati per sospetta istigazione all’odio.

Come rivelato dallo Spiegel, la denuncia è partita da un avvocato di Würzburg che ha citato i tre dirigenti di Facebook Germany GmbH per non aver cancellato decine di post ritenuti d’incitamento all’odio e contrari alle linee guida del social network. Fra gli oltre sessanta commenti riportati nell’esposto, si leggono propositi quali: “Date finalmente alle forze di sicurezza delle armi da fuoco e fate fuori questi pseudo-profughi”.

Facebook – bersaglio nelle ultime settimane di numerose lamentele per non cancellare in maniera sistematica i contenuti inappropriati – non commenta per ora la vicenda. Un portavoce del social network si limita a ricordare la possibilità per gli utenti di segnalare i post d’incitamento all’odio.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
facebook
germania
odio
indagati
tre manager
manager
razzisti
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-23 15:13:10 | 91.208.130.87