Keystone
ITALIA
05.03.2018 - 17:150

Italia: dal mondo cattolico arriva l'allarme ingovernabilità

Il Sir, l'agenzia dei vescovi, ipotizza "un governo di minoranza oppure uno di tregua"

ROMA - Dalla Chiesa italiana e dal mondo cattolico, rispetto all'esito elettorale, sale alto e forte l'allarme ingovernabilità. E' lo stesso quotidiano della Santa Sede a titolare in prima pagina su un'"Italia senza maggioranza".

"Sulla carta - scrive l'Osservatore Romano - una maggioranza stabile non c'è. Questo il principale verdetto delle elezioni politiche italiane che si sono svolte ieri. Spetta ora al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, decidere, sulla base di questi risultati, a chi affidare il mandato, presumibilmente esplorativo, per formare il governo".

"Il Movimento 5 stelle (M5s) ottiene il maggior numero di consensi, mentre il centrodestra, all'interno del quale la Lega sopravanza Forza Italia (Fi), è la coalizione più votata. Netto calo per il centrosinistra, che registra il crollo del Partito democratico (Pd), sceso ben al sotto della soglia del 20 per cento", sintetizza il giornale vaticano riferendo dell'esito del voto.

Ancora più drastica l'analisi di Famiglia Cristiana, secondo cui il quadro che esce dalle urne "è quello di un'Italia ingovernabile". Il settimanale dei Paolini, in un commento online, osserva che "non si delinea una maggioranza capace di tradursi in forza di governo".

"Che succederà ora? - continua - Il primo ostacolo per il Paese è la turbolenza dei mercati. I due movimenti che hanno vinto le elezioni sono fortemente critici nei confronti dell'Europa, per usare un eufemismo. La stessa Marine Le Pen ha scritto che l'Europa ha passato una brutta nottata dopo gli esiti del voto elettorale italiano".

"Non si può dire che l'esito delle elezioni abbia lasciato dubbi sui vincitori e sui vinti", sottolinea comunque Famiglia Cristiana, constatando che "a trionfare sono i Cinque Stelle, che vendemmiano ovunque, da Nord a Sud (ma nel Meridione è un cappotto al di là delle aspettative) e la Lega di Salvini", mentre "tra gli sconfitti, oltre al partito Liberi e uguali di Grasso, Bersani e D'Alema c'è il Pd di Renzi".

A fare delle ipotesi sul dopo è invece, sul Sir, l'agenzia dei vescovi, il politologo Paolo Pombeni, per il quale "questa è veramente la Terza Repubblica": "Il dato complessivo che emerge è quello di un Paese che ha voglia di cambiare la sua classe dirigente", anche a costo di "correre il rischio di qualche avventura".

"A meno di colpi di scena imprevedibili, mi pare che si possano considerare due ipotesi di fondo - aggiunge -: quella di un governo di minoranza oppure, lo si chiami come si vuole, quella di un governo di tregua".

Nel primo caso "si tratterebbe di un governo della coalizione con il maggiore numero dei voti, il centro-destra, che in nome dell'esigenza di non lasciare il Paese senza un governo potrebbe avere l'appoggio esterno momentaneo di un altro partito. E realisticamente non potrebbe che essere il Pd. Il quale, però, porrebbe delle condizioni: per esempio, che non sia Salvini a guidare l'esecutivo e che quest'ultimo non abbia una colorazione politica troppo forte.

Forse anche intorno ai Cinquestelle, in quanto primo partito, potrebbe nascere un governo di minoranza e anche in questo caso l'interlocutore non potrebbe che essere il Pd". L'altra ipotesi, conclude, "è quella di un governo di tregua, non politicamente connotato, che consenta di far decantare la situazione".
 
 

3 mesi fa Terremoto politico: Renzi verso le dimissioni, trionfo di Salvini e Di Maio
Commenti
 
shooter01 3 mesi fa su tio
figuriamoci se questi non facevano politica e non sponsorizzavano i loro amici sinistrati. Tra cattolici e mussulmani, anch'essi favorevoli alla sinistra non so chi è peggio. Religione oppio dei popoli. Frase usata dalla sinistra ma sicuramente vera.
pillola rossa 3 mesi fa su tio
Qualche cosa mi riporta al trattato dei patti lateranensi ai tempi di Mussolini. Purtroppo il Vaticano rimane una potenza economica in grado di mettere in ginocchio qualsiasi stato.
pontsort 3 mesi fa su tio
Non vedo la novità. Qualsiasi fosse stato il risultato l'ingovernabilità non é cosi impensabile.
Moga 3 mesi fa su tio
Tranquilli, verrà governata da Bruxelles
seo56 3 mesi fa su tio
..... dal mondo cattolico arriva l'allarme ingovernabilità..... Vergogna!! Guardate in casa vostra e abbiate il rispetto di un voto democratico.
Tags
governo
italia
partito
pd
mondo
tregua
mondo cattolico
esito
allarme
ingovernabilità
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-06-21 15:55:57 | 91.208.130.86