Fotolia
BERMUDA
08.02.2018 - 11:530
Aggiornamento 13:00

Le Bermuda sono «il primo territorio» ad abolire il matrimonio gay

«Il matrimonio è fra un uomo e una donna», hanno stabilito. Introdotte (per tutti) le unioni civili. Londra dà il suo benestare

HAMILTON - Ad aprire la porta, lo scorso anno, al matrimonio fra persone dello stesso sesso alle Bermuda era stata una sentenza della Corte suprema del piccolo territorio d’oltremare britannico nell’Atlantico. Da allora, era maggio, la polemica riguardo a questa inattesa apertura non si è mai spenta nell’arcipelago, noto per essere particolarmente conservatore sul tema.

Ora, Bermuda ha approvato una legge che la rende «il primo territorio del mondo» ad abolire il matrimonio gay. Con il Domestic Partnership Act, firmato mercoledì dal governatore britannico John Rankin, l’ex colonia di 65mila abitanti ha vietato di fatto a gay e lesbiche di convolare a giuste nozze e ha introdotto per loro le unioni civili (aperte, però, queste ultime, anche alle coppie eterosessuali).

«La Legge mira a trovare un compromesso fra due gruppi attualmente inconciliabili alle Bermuda, riaffermando che il matrimonio deve essere fra un uomo e una donna, ma riconoscendo e proteggendo al contempo i diritti delle coppie dello stesso sesso», ha dichiarato il ministro dell’Interno dell’arcipelago, Walton Brown, in un comunicato riportato dalla Royal Gazette.

Brown - che si dice «lieto» della firma del rappresentante di Sua Maestà nell’arcipelago - ha inoltre sottolineato che le Bermuda diventano così «fra le prime isole caraibiche anglofone a introdurre una legge che riconosce le coppie dello stesso sesso».

Ty Cobb, direttore dell’associazione per i diritti umani Human rights Campaign Global, vede le cose da tutt’altra prospettiva: «Il governatore Rankin e il parlamento locale hanno vergognosamente fatto di Bermuda il primo territorio nazionale al mondo ad abrogare il matrimonio ugualitario», dichiara dalle pagine del Guardian.

Nemmeno fra i gay e le lesbiche dell’arcipelago regna la soddisfazione: «Sono estremamente amareggiato», confessa il 64enne Joe Gibbons, rappresentante di una delle sei coppie che da maggio si sono sposate a Bermuda. «Questa non è uguaglianza e l’esecutivo britannico (responsabile per il buon governo nell’ex colonia, ndr) ha ovviamente appena detto “Questa non è la nostra battaglia”». Il riferimento è al fatto che nella madre patria - in Inghilterra, Galles e Scozia - il matrimonio ugualitario esiste da anni.

La nuova legge sulle unioni civili garantisce ai membri della coppia gli stessi diritti delle coppie sposate. L’adozione è già di fatto aperta alle coppie gay essendo un diritto anche delle coppie non sposate.

Bermuda ha già dimostrato una marcata opposizione alla concessione di diritti alle coppie omosessuali. In un referendum risultato non vincolante tenutosi nel 2016, il 69% dei votanti aveva detto "no" al matrimonio gay mentre il 63% si era espresso anche contro le unioni civili. La consultazione, però, non aveva raggiunto il quorum del 50% per vietare esplicitamente questi diritti alle persone omosessuali.

Nel maggio del 2017, poi, esprimendosi in merito al ricorso di una coppia gay che aveva provato senza successo a registrarsi per sposarsi, la Corte suprema del territorio aveva stabilito che negare loro di farlo era discriminatorio.

La decisione aveva aperto la porta di fatto ai matrimoni fra persone dello stesso sesso, una mezza dozzina a partire da giugno. Ora, il «compromesso» lodato dal ministro degli Interni bermudiano introduce le unioni civili, pur osteggiate dalla popolazione fino al 2016. 

Come accennato, le coppie eterosessuali, ovvero composte da un uomo e una donna, hanno ora sia il diritto di contrarre matrimonio che un'unione civile. Le coppie omosessuali, composte da due uomini o da due donne, hanno invece accesso solo alle unioni civili.

In Svizzera, il matrimonio è riservato alle coppie eterosessuali, l'unione domestica registrata a quelle omosessuali. Quest'ultima riconosce alle coppie dello stesso sesso minori diritti rispetto al matrimonio, soprattutto in materia di adozione e acquisizione della cittadinanza svizzera.  

Commenti
 
rojo22 6 mesi fa su tio
Ammiro il coraggio di dissociarsi dal mainstream! Bravi. Ognuno può fare quello che preferisce della vita, ma è altrettanto giusto chiamare le cose con il loro nome. E tra omosessuali non ci può essere matrimonio.
miba 6 mesi fa su tio
@rojo22 Concordo pienamente! In questo mondo c'è per fortuna ancora qualcuno che ha ancora il coraggio di combattere con SENSO e BUONSENSO contro quello che le potenti lobby-gay vorrebbero propinare all'intera umanità
Tags
territorio
diritti
matrimonio
bermuda
unioni civili
unioni
coppie
stesso sesso
sesso
matrimonio gay
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-08-19 17:23:29 | 91.208.130.86