NEPAL
30.12.2017 - 16:540

Mai più sulla cima dell'Everest in solitaria

Lo hanno deciso le autorità nepalesi per limitare il numero di incidenti

KATMANDU - Gli scalatori di tutto il mondo dal prossimo anno non potranno più cimentarsi sull'Everest da soli. Lo hanno deciso le autorità del Nepal nel tentativo di limitare gli incidenti sulle sue montagne.

D'ora in avanti il "tetto del mondo" sarà off limits anche per gli scalatori non vedenti e coloro che hanno subito l'amputazione di entrambe le gambe. Una misura questa che ha già scatenato la rabbia di molti alpinisti che l'hanno definita «discriminatoria», secondo quanto riportato dalla Bbc.

«Scalerò il monte Everest indipendentemente dalle decisioni che prenderanno le autorità. Niente è impossibile», ha scritto su Facebook Hari Budha Magar, ex militare che ha perso entrambe le gambe quando era dispiegato in Afghanistan ed ha lanciato su internet una campagna per diventare il primo scalatore amputato al di sopra delle ginocchia a conquistare la cima. L'impresa è riuscita soltanto 15 maggio 2006 al neozelandese Mark Joseph Inglis, privo di entrambe le gambe ma amputato dal ginocchio in giù.

L'associazione del turismo nepalese si difende e spiega che le nuove regole sono state pensate per rendere le scalate più sicure e diminuire il numero dei morti. Il 2017 è stato l'anno record nei tentativi di raggiungere la vetta più alta del mondo (8.848 metri) ma, purtroppo, si sono registrate anche sei vittime. Tra loro l'85enne Min Bahadur Sherchan, che stava cercando di riguadagnare il titolo di alpinista più anziano del mondo sulla cima dell'Everest, e lo svizzero Ueli Steck, conosciuto anche con il soprannome di "Swiss Machine", che ha perso la vita lo scorso 30 aprile sulle pendici del vicino Nuptse mentre stava preparandosi a una ascesa 'in solitaria' della più alta cima del mondo.

In base alle nuove regole inoltre gli scalatori stranieri dovranno farsi accompagnare da una guida, decisione presa dalle autorità del Nepal con l'intenzione di creare più posti di lavori per i nepalesi.

Dal 1920 a oggi sono morte sull'Everest 200 persone. Secondo le statistiche dell'Himalaya Databese ottenute dalla Bbc nel 2015, la prima causa di morte sono le valanghe (29% degli scalatori), seguita dalle cadute (il 23%).

Commenti
 
albertolupo 3 sett fa su tio
Almeno se uno tenta da solo ci lascia le penne da solo
albertolupo 3 sett fa su tio
Spiegatemi come si fa a essere amputati “dal ginocchio in su”?
Potrebbe interessarti anche
Tags
everest
cima
mondo
autorità
scalatori
entrambe gambe
gambe
solitaria
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-23 18:48:55 | 91.208.130.87