Keystone
FRANCIA
04.12.2017 - 12:030

Corsica, boom dei nazionalisti: «Ora Parigi tenga conto del voto»

Jean-Guy Talamoni: «Chiediamo allo Stato di rompere con la politica dell'indifferenza»

AJACCIO - «Parigi dovrà tenere conto dei risultati delle elezioni» territoriali in Corsica, che rappresentano un «messaggio al continente»: lo ha detto il nazionalista corso, Jean-Guy Talamoni, commentando ai microfoni di radio France Inter il risultato elettorale di ieri.

Tra le richieste rivolte allo Stato centrale, il riconoscimento dell'ufficialità della lingua corsa, una legge contro le «privazioni» immobiliari, e un'amnistia per i «prigionieri politici» corsi.

«Chiediamo allo Stato di rompere con la politica dell'indifferenza, con la negazione della democrazia», ha detto Talamoni, garantendo tuttavia che non ci sarà nessun processo di indipendenza per almeno i prossimi dieci anni, anche sei «i corsi si considerano come nazione».

Da parte sua, l'alleato nazionalista nel voto di ieri, Gilles Simeoni, ha dichiarato che se «la Costituzione non rappresenta un popolo spetta alla Costituzione evolvere non al popolo scomparire».

Simeoni è tuttavia tornato a garantire che la Corsica ha abbandonato ogni forma di lotta armata per raggiungere i suoi obiettivi. Ieri, nel primo turno delle elezioni territoriali, la lista Pé a Corsica è arrivata ampiamente in testa con 45,36% delle preferenze nonostante un alto livello di astenuti.
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
corsica
talamoni
voto
conto
stato
parigi
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-07-18 16:38:22 | 91.208.130.86