ENERGY CHALLENGE
16.08.2019 - 08:330

Quando vanno sostituiti gli elettrodomestici?

Riparare o sostituire? Ecco qualche suggerimento per aiutarvi a decidere quando è meglio riparare e quando invece conviene acquistare un apparecchio nuovo

 

Ha senso sostituire un vecchio elettrodomestico che consuma molta energia e con una pessima classe energetica con un apparecchio nuovo che consuma meno e ha un’efficienza più elevata? Non esiste un’unica risposta valida a questa domanda: devono essere tenuti in considerazione sia gli aspetti ecologici che quelli finanziari.

Per la produzione, l’immagazzinamento, il trasporto, la vendita e lo smaltimento di un prodotto è necessaria molta energia. Per far sì che alla fine del ciclo di vita risulti un risparmio di energia per l’ambiente, l’energia consumata deve essere compensata mediante un apparecchio efficiente. Il lasso di tempo fino all’ammortizzazione dell’energia grigia può essere considerato come il periodo di recupero energetico. Se invece si vuole tenere in considerazione l’impatto ambientale, diventa più importante il periodo di recupero ecologico.

Utilizzare l’apparecchio finché non necessita di riparazioni, poi decidere

Il consulente energetico Jules Pikali che durante l’ultima Energy Challenge rispondeva alle domande dei lettori sul tema del risparmio energetico con lo pseudonimo di Dr. Energy, ha calcolato ad esempio il seguente scenario per le lavatrici: per un utilizzo medio, il periodo di recupero energetico ammonta a circa quattro anni. Il periodo di recupero ecologico è invece nettamente superiore e ammonta addirittura a 14 anni. L’utilizzo medio, nel caso di una lavatrice, corrisponde a 220 cicli di lavaggio all’anno. Chi fa parte di un nucleo famigliare piccolo, utilizzerà meno la lavatrice e il periodo di recupero sarà quindi più lungo. Con un ciclo di lavaggio alla settimana, ci vorranno 16 anni prima che i risparmi compensino l’energia grigia. «Da questo punto di vista, conviene utilizzare l’apparecchio finché non necessita di riparazioni e poi decidere, a seconda dell’età della lavatrice, se effettuare le riparazioni o acquistare un nuovo apparecchio», spiega Pikali.

Il momento giusto per sostituire un elettrodomestico dipende da molti fattori. Finché l’apparecchio funziona senza problemi, non andrebbe sostituito solo sulla base del consumo energetico. Non appena questo necessita di riparazioni, occorre tuttavia porsi la domanda. Molti elettrodomestici sono stati notevolmente migliorati negli ultimi anni. Non vale quindi la pena riparare a qualsiasi costo. La durata di vita tipica di un elettrodomestico corrisponde a circa 10-15 anni. Passato questo lasso di tempo, si può tranquillamente rinunciare a riparare ancora.

In caso di sostituzione, scegliere il prodotto più efficiente

Per gli apparecchi più recenti, subordinatamente ai costi, conviene optare per la riparazione. La seguente regola generale può essere utilizzata per aiutarvi a decidere: se l’elettrodomestico ha meno di quattro anni, il costo della riparazione dovrebbe ammontare al massimo al 40 per cento del costo dell’apparecchio. Se l’elettrodomestico ha tra quattro e sette anni, per la riparazione si dovrebbe investire al massimo il 30 per cento del prezzo d’acquisto mentre per apparecchi con meno di dieci anni, al massimo il dieci per cento.

In caso di sostituzione, è importante scegliere l’apparecchio più efficiente. La legge stabilisce che ogni elettrodomestico debba disporre di un’etichetta energetica. Attenzione: A non è sempre la migliore categoria dal punto di vista energetico! Per le lavatrici, la categoria migliore è attualmente A+++. Per un confronto dettagliato dei prodotti, è possibile consultare www.topten.ch.

Evitare le perdite di energia durante l’utilizzo

È importante scegliere un elettrodomestico adatto al vostro nucleo famigliare. Il modo in cui lo utilizziamo ha un’influenza molto maggiore sul consumo rispetto alla classe energetica. Ad esempio, per i cicli di lavaggio la selezione del programma riveste un ruolo molto importante. Quando possibile, occorre selezionare una temperatura di lavaggio il più bassa possibile. Si può inoltre in molti casi rinunciare al prelavaggio e, di regola, la lavatrice andrebbe sempre utilizzata a pieno carico.
Inoltre, non sempre è necessario lavare un capo in lavatrice. Talvolta è possibile anche lasciarlo al sole a prendere aria.

SvizzeraEnergia ha pubblicato l’opuscolo „Riparare o sostituire gli apparecchi elettrici difettosi?“ sul tema della sostituzione degli apparecchi che può essere scaricato in PDF e stampato gratuitamente.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-21 05:40:23 | 91.208.130.85