ENERGY CHALLENGE
02.07.2019 - 16:470

Come contrastare la calura notturna

Come sconfiggere le notti tropicali? Ecco alcuni consigli per rinfrescare la vostra abitazione senza climatizzatore

 

L’Europa è stata colpita da un’ondata di caldo e l’Ufficio federale di meteorologia ha rilasciato un’allerta canicola di grado 4. Oltre al rischio di disidratazione, scottature e perdita di sale, la calura notturna rende difficile dormire. Il corpo umano è estremamente sensibile ai cambiamenti e molte persone riescono a dormire bene solo alle condizioni a cui sono abituate. Se le temperature esterne sono più elevate del normale, il corpo non può, come succede normalmente ogni notte, abbassare la temperatura di mezzo o addirittura di un intero grado e ciò può portare a problemi ad addormentarsi o a dormire ininterrottamente. La sensazione di calura è influenzata anche dall’umidità dell’aria. La maggior parte delle persone alle nostre latitudini sopporta meglio il calore secco piuttosto che umido.

Sempre più edifici sono dotati di climatizzatori che regolano la temperatura e l’umidità. Secondo un’analisi di SvizzeraEnergia, a livello svizzero vengono consumati circa otto miliardi di chilowattora di elettricità per la climatizzazione di case private, uffici e negozi che corrispondono a circa il 14 per cento del consumo totale di elettricità in Svizzera. Case e appartamenti possono essere rinfrescati anche senza il climatizzatore grazie a piccole semplici astuzie. Ecco cinque consigli per abbassare la temperatura interna senza far salire alle stelle la bolletta dell’elettricità.

Isolamento dell’edificio: una casa ben isolata non permette solo di risparmiare sul riscaldamento in inverno ma anche di ripararsi dalla calura in estate. Gli edifici con facciate chiare si scaldano meno rispetto a quelli dipinti di colori scuri. Ancora più efficaci sono le facciate con piante rampicanti poiché queste rilasciano aria fresca grazie all’evaporazione. Anche avere alberi che facciano ombra davanti alle finestre aiuta a mantenere basse le temperature. Grazie a questi consigli è possibile abbassare le temperature interne di due o tre gradi rispetto all’esterno.

Protezione dal sole: chiudete le persiane durante il giorno e lasciate le tende da sole abbassate anche dalla parte su cui non batte il sole. Se non avete tende da sole esterne, anche le tende normali possono aiutare anche se sono meno efficaci delle esterne.

Arieggiare: proprio prima di andare a dormire o subito dopo essersi svegliati, è consigliabile aprire le finestre per arieggiare l’abitazione. In questi momenti le temperature esterne sono generalmente più basse rispetto a quelle interne. Non appena il sole è alto, è tuttavia meglio chiudere le finestre e ripararsi dal sole.

Apparecchi: spegnete gli apparecchi elettrici che non sono necessari. Computer, televisore, macchina del caffè e lavatrice producono calore anche in stand-by. Inoltre, in questo modo risparmierete energia elettrica.

Fazzoletti: la sera, appendete qualche fazzoletto o panno di lino bagnato in camera da letto. Asciugando assorbiranno il calore dall’aria rilasciando aria fresca grazie a un processo fisico chiamato entalpia di vaporizzazione. Il trucco funziona meglio la sera quando le finestre sono aperte e l’aria fresca viene distribuita nelle varie stanze grazie alla circolazione dell’aria. Un’altra possibilità è
bagnare leggermente le tende. In caso di caldo umido, questo consiglio può tuttavia essere
controproducente poiché renderebbe l’aria ancora più umida.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-16 10:03:18 | 91.208.130.87