ENERGY CHALLENGE
25.05.2017 - 06:000

L'home office è solo l'inizio

Più produttività, collaboratori motivati, treni liberi, meno emissioni: ecco gli argomenti in favore del lavoro in remoto. E la quotidianità al lavoro? Scoprite di più in questo contributo

 

Alexander Volz scrive libri per giovani, apprezza l'home office e dirige il luogo d'incontro La Werkstadt, la casa delle innovazioni di Swisscom.

«Come circa il 30 % degli elvetici, anch'io lavoro occasionalmente da casa o in movimento. Quando scrivo concetti o testi, riesco a farlo meglio in treno o in un caffè, perché i rumori di sottofondo non mi disturbano. In un open space è diverso, perché ogni frase che sento potrebbe riguardarmi.

In ufficio tengo presentazioni, partecipo a riunioni e discuto con i colleghi. Oppure utilizzo uno spazio di coworking, che mi permette di incontrare persone di ambiti diversi e di sviluppare le mie idee. Il coworking è la versione moderna di una piazza, dove ci si trova e si conversa.

L'home office mi consente di evitare i tempi morti dei pendolari o di prendere il treno più tardi, con la sicurezza di trovare un posto libero e poter lavorare produttivamente anche durante il tragitto. Inoltre posso tornare a casa prima, passare più tempo con i miei figli e poi di mettermi di nuovo al computer.

La creatività è imprevedibile: spesso mi viene un'ottima idea per il mio libro mentre lavoro e la annoto subito. Sono gli orari flessibili di Swisscom a consentirmi di farlo.

Per lavorare in maniera flessibile è necessario autodisciplinarsi.

Con l'home office, il datore di lavoro dà ai suoi collaboratori fiducia e libertà. Per me ciò significa anche la responsabilità di fornire dei risultati concreti. Per questo è importante sapersi porre dei limiti».

 

 

ULTIME NOTIZIE Energy Challenge
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-24 08:40:39 | 91.208.130.87