Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
SVIZZERA
3 ore
Gli orologi svizzeri non sono mai andati meglio all'estero
Nel 2021 è stato superato anche l'esercizio del 2014, che era il migliore di sempre
REGNO UNITO
4 ore
EasyJet riprende quota, e sorride in vista dell'estate
«L'offerta è vicina ai livelli pre-pandemici del 2019», ha spiegato il Ceo Johan Lundgren
EURASIA
5 ore
Pressioni della Cina sulla Lituania, Bruxelles si rivolge al WTO
L'Unione europea ha denunciato all'Organizzazione Mondiale del Commercio il comportamento della Cina
STATI UNITI
10 ore
Menù "gentili" che fanno raddoppiare la scelta di un piatto vegetale
Il World Resources Institute ha condotto una ricerca su seimila persone a cui venivano proposte due liste diverse
ITALIA
20 ore
La carica dei 500mila: guardavano Sky senza pagare il servizio
Smantellata un'organizzazione dedita alla diffusione illegale via internet dei segnali criptati delle PayTv
FOTO
STATI UNITI
21 ore
Le chitarre di Lennon e la bozza di “Hey Jude” all'asta ma tranquilli: non sono reali
Perché sono degli NFT, a metterli in vendita uno dei figli di John, Julian: «Bello condividere l'eredità di famiglia»
SVIZZERA / SPAGNA
1 gior
Ecco gli NFT di Picasso: «Un omaggio alla sua creatività»
I membri della famiglia del celebre artista hanno deciso di mettere in vendita delle opere digitali (NFT)
CANTONE
1 gior
Nuovi record per Interroll
Le vendite sono salite in un anno del 20,6%, mentre le nuove commesse sono aumentate del 43,9%
EL SALVADOR
1 gior
«Rimuovete il Bitcoin quale valuta legale»
Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha esortato il Governo salvadoregno a fare marcia indietro
SVIZZERA
19.09.2019 - 09:050
Aggiornamento : 10:03

Ad agosto l'export svizzero è calato ancora (ma non per gli orologi)

A 18,73 miliardi di franchi, per una percentuale del -4.3%, i più interessati i prodotti farmaceutici, macchine ed elettronica

BERNA - Dopo la flessione di luglio, anche in agosto le esportazioni svizzere sono calate, del 4,3% su base mensile a 18,73 miliardi di franchi. Per contro le importazioni sono aumentate del 3,4% a 17,58 miliardi. La bilancia commerciale segna un'eccedenza di appena 1,15 miliardi di franchi.

A livello reale, ossia al netto delle variazioni di prezzo, le esportazioni segnano una flessione del 4,4% e le importazioni una progressione dell'1%, indica l'Amministrazione federale delle dogane (AFD) in un comunicato diffuso oggi.

Come in luglio, sono calate in particolare le vendite all'estero di prodotti chimici e farmaceutici (-5% nominale a 9,18 miliardi di franchi) e di macchine ed elettronica (-5,1% a 2,62 miliardi). L'orologeria e gli strumenti di precisione hanno invece registrato una progressione di rispettivamente l'1,7% a 1,82 miliardi e lo 0,5% a 1,42 miliardi.

La contrazione maggiore delle esportazioni proviene dall'Europa (-6,5% a 10,38 miliardi di franchi, con la Germania che segna un -14%), ma sono diminuite anche le forniture verso Nordamerica (-1,9% a 3,64 miliardi) e Asia (-1,8% a 4,37 miliardi, con un -16% per Singapore e un -17% per Hong Kong, mentre la Cina segna un +10%).

Quanto alle importazioni, hanno compiuto un balzo la bigiotteria e gioielleria (+22,8% a 1,65 miliardi) e sono aumentati anche i veicoli (+3,1% a 1,53 miliardi) e i prodotti chimici e farmaceutici (+2,5% a 4,42 miliardi). In flessione invece i metalli (-3% a 1,19 miliardi) e il segmento macchine ed elettronica (-1,9% a 2,62 miliardi).

In termini geografici gli acquisti all'estero sono cresciuti del 4,9% a 3,93 miliardi di franchi in Asia, raggiungendo un nuovo record grazie alla Cina. Il Nordamerica segna un +1,6% a 1,14 miliardi e l'Europa un +0,8% a 11,93 miliardi.

Su, invece, gli export orologeri - Le esportazioni orologiere svizzere sono lievemente aumentate in agosto rispetto allo stesso mese del 2018: la crescita nominale è stata dell'1,5% a 1,52 miliardi di franchi. A livello reale, ossia al netto delle variazioni di prezzo, risulta invece un calo del 5,2%.

Agosto è stato un mese nella media, scrive la Federazione orologiera (FH) in un comunicato diffuso oggi. Complessivamente il settore resta orientato a un lieve rialzo, in un contesto sempre relativamente difficile. Nei primi otto mesi del 2018 la progressione è dell'1,8%.

Le vendite negli Stati Uniti sono salite del 14,8%, e con un volume di 177,3 milioni di franchi gli USA sono il mercato di sbocco principale con una quota dell'11,6% sulle esportazioni complessive. In forte calo invece Hong Kong (-12,7%), solitamente il mercato di destinazione più rilevante. Viste le tensioni politiche nell'ex colonia britannica FH temeva una flessione ancor più marcata. A giugno era ad esempio stata registrata una contrazione del 26,8%; per i primi otto mesi dell'anno risulta una diminuzione del 6,4%.

Un forte aumento è stato registrato in Giappone (+34,5%) e Cina (+13,7%), mentre l'Europa nel suo insieme segna un calo del 2,7%, dovuto principalmente all'evoluzione in Regno Unito (-5,6%), Germania (-4,2%) e Italia (-13,7%). Stando alla federazione la Francia (+10,1%) ha per contro beneficiato di un effetto base favorevole, ma la tendenza a medio termine continua ad essere negativa.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 16:20:32 | 91.208.130.85