Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
STATI UNITI
9 ore
Il weekend nero del Bitcoin
La valuta digitale ha visto il suo valore amputato di 13'000 dollari in due giorni (e non è la sola)
UNIONE EUROPEA
13 ore
Un nuovo look per l'Euro entro il 2024
Le banconote attuali hanno ormai un ventennio e la Bce sta pensando a un nuovo look: «Sono qui per restare»
SVIZZERA
16 ore
CdA di UBS: giunge al termine la Presidenza di Lukas Gähwiler
Cambio ai vertici della Banca: il dirigente ed ex Ceo sarà rimpiazzato da Markus Ronner
CANADA
19 ore
Manca personale: test Covid per impiegare i non vaccinati
Più difficile del previsto, nel mercato del lavoro canadese, l'attuazione della stringente politica governativa
MONDO
1 gior
Materie prime: raffreddamento nel 2022?
Una corrente minoritaria pensa, invece, che il rialzo sia ormai diventato strutturale
STATI UNITI
1 gior
Manca il formaggio cremoso, venditori di bagel in crisi
La domanda è aumentata anche grazie all'home office, che costringe molte persone a fare colazione a casa
STATI UNITI
2 gior
Effetto Omicron sul Pil degli Stati Uniti
Goldman Sachs ha ridotto le sue stime a 3,8% contro il precedente 4,2%: «Impatto modesto»
STATI UNITI
3 gior
I dipendenti Google rimarranno ancora a casa
Il rientro in ufficio, che era stato pianificato per gennaio, è stato nuovamente rimandato
STATI UNITI / SVIZZERA
3 gior
USA: la Svizzera non è più considerata «manipolatore di cambi»
Il Dipartimento del tesoro continuerà però a guardare con occhio critico gli interventi della Banca Nazionale Svizzera
MONDO
3 gior
Per più di metà dei manager, «il telelavoro incrementa la produttività»
Lo sostengono circa il 57% di oltre 4'000 manager di 26 Paesi, interpellati durante un sondaggio della società PwC
STATI UNITI / CINA
3 gior
Dalla Cina a Wall Street, un'impresa sempre più ardua
La stretta dei regolatori cinesi non si è fatta attendere: dopo soli cinque mesi, Didi lascia Wall Street
SVIZZERA
10.08.2018 - 19:000
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

L'impegno per la parità di genere dà i suoi frutti

Nei paesi dove è impegnata la Svizzera la violenza contro le donne è in parte diminuita e la loro posizione economica e politica si è rafforzata

BERNA - Una maggiore parità tra i sessi si traduce nella promozione dello sviluppo sostenibile, della crescita economica e della riduzione della povertà. Per questo motivo la Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) si adopera sistematicamente a favore della parità di genere, dei diritti delle donne e del rafforzamento della posizione di donne e bambine nei Paesi partner. Con ottimi risultati, come mostrano due studi realizzati su incarico della DSC: la violenza contro le donne è in parte diminuita e la loro posizione economica e politica si è rafforzata.

In Ruanda, Burundi e nella Repubblica democratica del Congo è stato possibile ridurre la violenza di genere grazie a un programma di sostegno che ha coinvolto uomini e donne. In Afghanistan alcune contadine sono riuscite ad aumentare il proprio reddito dopo aver frequentato corsi sull’allevamento di polli e capre. E in Albania le donne hanno un maggiore peso politico rispetto al passato grazie a un programma di decentramento e democratizzazione. Questi esempi mostrano che l’impegno della DSC nei tre ambiti centrali della lotta alla violenza di genere, del rafforzamento economico e della partecipazione politica delle donne si rivela efficace. «La parità tra i sessi e il rafforzamento della posizione femminile sono due elementi fondamentali della cooperazione allo sviluppo, senza i quali lo sviluppo sostenibile non sarebbe possibile», ha affermato Thomas Gass – capo del Settore di direzione Cooperazione Sud della DSC – durante la presentazione ai media dei due studi.

Il primo rapporto, sulla situazione della parità di genere 2017, intitolato «Closing the Gender Gap», illustra, sulla base di esempi di progetti concreti, i progressi compiuti finora dalla DSC nel tentativo di colmare il divario tra i sessi. A conti fatti, non va dimenticato che è in parte diminuita la violenza contro le donne e che la loro posizione politica ed economica è generalmente migliorata. Dei 1383,4 milioni di franchi spesi nel 2017 per la cooperazione bilaterale, due terzi circa sono stati investiti in progetti che promuovono la parità di genere.

Il «Rapporto di efficacia: cooperazione internazionale della Svizzera in materia di uguaglianza di genere 2007-2016», una valutazione esterna, indaga quali tipi di progetto in questo settore si rivelano più efficaci. Dallo studio è emerso che il 73 per cento dei progetti il cui scopo principale è contribuire al miglioramento della parità tra i sessi ha portato buoni risultati. L’efficacia dei progetti che perseguono un obiettivo differente e nei quali la parità di genere è soltanto un aspetto secondario – come quelli volti ad aumentare il reddito di uomini e donne – è stata invece pari al 31 per cento se si considera l’aspetto della parità. In base al rapporto di efficacia, si sono registrati notevoli miglioramenti strutturali per quanto riguarda la parità. Ad esempio, il 50 per cento dei progetti della DSC presi in esame ha portato a una maggiore partecipazione femminile nei processi decisionali, sia a livello familiare che politico. Il 40 per cento dei progetti ha contribuito alla diminuzione della violenza e il 30 per cento al rafforzamento della posizione economica delle donne.

I due rapporti, che si differenziano per quanto concerne le premesse e il tema centrale di ricerca, giungono alla conclusione che la DSC dovrebbe portare avanti il proprio impegno a favore della parità tra i sessi senza ridurne l’entità. Nel rapporto sulla situazione della parità di genere si legge che il processo per raggiungerla è lungo e difficile. In particolare per quanto concerne la violenza di genere, la partecipazione al mercato del lavoro e l’integrazione nei processi decisionali si rendono necessari altri sforzi mirati. Un cambiamento duraturo delle norme sociali e dei ruoli tradizionali si può raggiungere solo coinvolgendo gli uomini e i ragazzi nei vari progetti. Inoltre, per migliorare l’integrazione delle donne in campo economico, occorre prendere in considerazione la conclusione di partenariati anche con il settore privato.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 01:37:15 | 91.208.130.89