Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
SVIZZERA
59 min
Giornali consegnati in ritardo (a causa di Omicron)
Varie testate hanno avvertito i loro lettori del problema
SVIZZERA
3 ore
Storie (elettriche) tese, Sommaruga si prepara
Dal prossimo inverno dovrebbe scattare l'obbligo di riserve d'emergenza di energia idroelettrica
STATI UNITI / CINA
4 ore
Sospesi 44 voli passeggeri di compagnie aeree cinesi
È la risposta alle restrizioni sanitarie anti Covid imposte da Pechino alle compagnie aeree americane
SVIZZERA
17 ore
Thomas Oetterli scende dall'ascensore e se ne va
Il CEO di Schindler ha annunciato le proprie dimissioni «con effetto immediato»
UNIONE EUROPEA
23 ore
Unione Europea, niente etichetta di “energia verde” per il nucleare
Lo hanno deciso gli esperti. Il motivo? È a emissioni zero, ma non impatto zero. Bocciato (con riserva) il gas naturale
STATI UNITI
1 gior
Rallenta la crescita degli abbonati, tonfo di Netflix a Wall Street
A pesare è anche l'agguerrita concorrenza e la riapertura dell'economia
SVIZZERA
1 gior
Galaxus aggiunge Decathlon al suo assortimento
Durante la pandemia è cresciuta la domanda di articoli sportivi, ha spiegato il rivenditore
STATI UNITI
1 gior
Instagram e la nuova offerta a pagamento
È in fase di test una funzionalità che permette agli utenti di abbonarsi a dei profili e accedere a contenuti esclusivi
FRANCIA / GERMANIA
1 gior
Il nucleare? «Non è un'energia né sostenibile né economica»
Il segretario di stato tedesco per l'ambiente Stefan Tidow ha espresso la propria contrarietà
MONDO
1 gior
Twitter, un bollino rosso contro le fake news Covid
Arriva l'etichetta "Fuorviante" per contraddistinguere i contenuti «indiscutibilmente falsi o ingannevoli»
STATI UNITI
2 gior
L'improvviso interesse di Google per le criptovalute
La compagnia ha annunciato di aver creato una nuova divisione blockchain, guidata dal vicepresidente Venkataraman
SVIZZERA
05.04.2017 - 14:180
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

Moneta virtuale, 35 miliardi di utile

Le banche svizzere hanno realizzato tra il 2007 e il 2015 utili "ingiustificati" per 34,8 miliardi di franchi producendo esse stesse il denaro, secondo l'associazione Modernizzazione Monetaria

ZURIGO - Le banche svizzere hanno realizzato tra il 2007 e il 2015 utili "ingiustificati" per 34,8 miliardi di franchi producendo esse stesse il denaro, secondo l'associazione Modernizzazione Monetaria (MoMo). Cifra che - a suo dire - giustifica la sua iniziativa "Moneta intera".

Si tratta dell'iniziativa popolare "Per soldi a prova di crisi: emissione di moneta riservata alla Banca nazionale! (Iniziativa Moneta intera)", che il Consiglio federale invita a respingere in quanto metterebbe in pericolo il settore finanziario e l'economia in generale.

MoMo le pensa diversamente e afferma in un comunicato odierno che se il denaro incassato fosse stato emesso dalla Banca nazionale svizzera (BNS) i miliardi sarebbero andati a beneficio della collettività pubblica. L'associazione si basa su di un recente studio della "News Economics Foundation" e della "Business School Kopenhagen", che analizza i profitti delle banche derivanti dalla creazione monetaria in Inghilterra, Islanda, Danimarca e Svizzera.

Attualmente la BNS produce monete e valuta (moneta centrale) pari al 10% del nostro denaro, secondo MoMo, mentre le banche commerciali creano denaro sui conti bancari (moneta scritturale) con la concessione di crediti.

I promotori dell'iniziativa criticano tale sistema che si accompagna alla formazione di debiti. In sostanza, con la sua iniziativa MoMo vuole vietare alle banche di stampare - virtualmente - denaro dal nulla. Per l'associazione il denaro appartiene al popolo, non agli istituti di credito, ed è giusto che a crearlo sia la Banca nazionale svizzera, e non le singole banche, come invece sempre più spesso avviene. La banca centrale dovrebbe quindi trasferire direttamente il denaro alle collettività pubbliche o ai cittadini.

"Con Moneta intera sarà la collettività ad approfittare della creazione monetaria e non più le banche" afferma Reinhold Harringer, uno dei promotori dell'iniziativa, citato nel comunicato.

Lo studio "Making money from making money - Seigniorage in the modern economy" (Fare soldi facendo soldi - Signoraggio nell'economia moderna) è stato realizzato partendo da dati disponibili pubblicamente. In termini di media annuale l'inchiesta calcola che le banche hanno realizzato circa 2,8 miliardi di utili "ingiustificati" nel periodo 2007-2015. Essa evidenzia anche che negli ultimi due anni gli istituti finanziari non hanno potuto trarre profitto dalla creazione monetaria a causa dei tassi di interesse negativi. "E' questo il momento buono per passare alla moneta intera in quanto le banche non subirebbero alcun pregiudizio finanziario rinunciando ai loro privilegi" sottolinea MoMo.

Secondo Harringer, le critiche che vengono rivolte all'iniziativa non reggono e la BNS avrebbe tutto il tempo per pianificare il cambiamento di sistema. La riforma si limiterebbe inoltre ad ampliare il monopolio che ha la BNS sulle banconote anche al denaro elettronico scritturale, che viene oggi creato dalle banche. Tecnicamente non si farebbe quindi che sostituire il denaro contabile "privato" con soldi dello stesso tipo "pubblici".

Questo è quello che fra l'altro è già avvenuto cento anni fa, sostiene Harringer, dottore in economia ed ex responsabile delle finanze del canton San Gallo. "Allora il sistema finanziario non è crollato, bensì al contrario è diventato assai più stabile".

Il Consiglio federale ha raccomandato al Parlamento di bocciare senza controprogetto il testo, presentato nel 2015 e corredato di quasi 111 mila firme valide. La votazione popolare potrebbe avvenire quest'anno.

Il ministro delle finanze Ueli Maurer ha già affermato che benché l'iniziativa si ponga come obiettivo di rendere più sicura la piazza finanziaria elvetica da eventuali crisi future, essa presenta più svantaggi che vantaggi. A suo parere, la protezione dei titolari di conti dai problemi finanziari delle banche promessa dall'iniziativa migliorerebbe solo in parte. Il testo non tutela infatti gli istituti finanziari dai problemi di liquidità e solvibilità.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-22 12:47:27 | 91.208.130.85