Immobili
Veicoli
ULTIME NOTIZIE Economia
CANTONE
1 gior
L'importanza della frutta e verdura ticinesi vista da... chi la mangia
Presentata “Ticino a te” la nuova campagna del Ccat perché «Siamo quello che mangiamo...»
SVIZZERA
1 gior
Il Ceo di Axpo avverte: «Rischio di carenza di elettricità in inverno»
Il fatto che metà del parco nucleare francese sia attualmente fuori servizio complica ulteriormente le cose
SVIZZERA
2 gior
Arranca il mercato delle auto, ma non di ibride ed elettriche
La crisi dell'auto? Colpa del Covid e della difficoltà a trovare chip. Multe agli automobilisti per 35,8 milioni.
SVIZZERA
2 gior
Gli svizzeri acquistano sempre di più sulle piattaforme online straniere
La Svizzera fa capolino anche nella top ten dei Paesi che più riescono a vendere all'estero
STATI UNITI
3 gior
I magazzini di Amazon rischiano di restare vuoti
Entro il 2024 l'e-commerce potrebbe esaurire tutte le sue possibili risorse lavorative americane
STATI UNITI
3 gior
Stop alla nicotina nelle sigarette
L'amministrazione Biden vuole ridurre la sostanza di modo che non crei più dipendenza e che quindi meno persone muoiano
SVIZZERA
4 gior
Ecco l'identikit della casa ideale per gli svizzeri
Sempre più giovani sognano di comprare un immobile, ma in pochi ci riescono a causa dei criteri di finanziamento
STATI UNITI
4 gior
Il figlio di Elon Musk cambia cognome per troncare qualsiasi legame
Stando a TMZ Xavier avrebbe anche avviato la procedura per cambiare genere
MONDO
4 gior
Tutti stregati dagli Nft: vero investimento o bolla?
Cosa si nasconde dietro la sigla che sta rivoluzionando il mercato delle aste
SVIZZERA
5 gior
L'inflazione rallenterà solo nel 2023
Il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo prevede un forte aumento nel 2022 prima dell'atteso calo
SVIZZERA
21.11.2016 - 15:230
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

Mercato domestico, una gallina dalle uova d'oro

Secondo il CEO di Credit Suisse gli affari svizzeri meritano di essere costituiti in un'unità a sé stante

ZURIGO - Per anni il mercato domestico deve essersi sentito come il brutto anatroccolo dalle grandi banche svizzere: preferendo avere a che fare con i grandi di Wall Street e con i super ricchi asiatici, i top manager hanno trattato con sufficienza gli affari riguardanti i piccoli risparmiatori e la classe media elvetica. Ma con la crisi finanziaria il settore è diventato - più che un cigno - una gallina dalle uova d'oro. E ora Credit Suisse vuole realizzare i guadagni.

Con l'avvio operativo della filiale elvetica Credit Suisse (Svizzera) i preparativi per il più importante sbarco in borsa da almeno dieci anni nella Confederazione entrano nella fase più calda, spiega la Reuters in un'analisi odierna.

Il CEO Tidjane Thiam intende ridurre il comparto investment banking del secondo istituto elvetico, puntando sui segmenti più stabili. Tra questi vi sono gli affari in Svizzera, che secondo il dirigente franco-ivoriano meritano di essere costituiti in un'unità a sé stante. Per questo la filiale si è procurata la licenza bancaria, ha rilevato 1,4 milioni di clienti dalla casa madre e oggi è entrata pienamente in funzione. «La costruzione di un'entità giuridica è una condizione per l'entrata in Borsa», ha spiegato Frank Schubert.

Stando alla Reuters a meno di scossoni sul mercato l'azienda dovrebbe essere quotata nella seconda metà del 2017. Con l'operazione Thiam vuole far aumentare anche il corso dell'azione del gruppo. Ma secondo molti esperti in primo piano vi è una considerazione diversa: l'istituto mira a migliorare il suo bilancio ricorrendo a denaro fresco senza dover passare attraverso un aumento di capitale inviso agli investitori.

Con la parziale entrata in borsa Credit Suisse vuole raccogliere da 2 a 4 miliardi di franchi. Le stime sul valore del totale dell'attività della banca nei 26 cantoni variano da 12 a 20 miliardi. Questo mentre l'intero gruppo in borsa ha un "peso" di solo circa 30 miliardi.

Chi analizza le cifre comprende anche perché: il 60% dell'utile ante imposte realizzato nei primi nove mesi dell'anno è stato generato dalla divisione Swiss Universal Bank, che corrisponde in gran parte alla nuova entità. L'investment banking e le attività con la clientela privata facoltosa non hanno per contro brillato.

«Capisco perfettamente l'entusiasmo per le attività elvetiche», spiega Guy de Blonay, un manager di fondi. Le parole chiave sono redditività e stabilità. Anche la rivale UBS sta guadagnando bene con la clientela privata e aziendale elvetica. La Svizzera è un paese ricco: in media un adulto dispone di più di mezzo milione di franchi.

Ai tempi del boom questo non veniva considerato nella giusta misura: Credit Suisse e UBS hanno cercato di diventare grandi nell'investment banking. Ma con l'arrivo di normative più severe la situazione è drasticamente cambiata. A livello mondiale i grandi favoriti degli investitori in borsa sono gli istituti come quelli scandinavi, con modelli di affari semplici. Gli specialisti sono convinti che la filiale elvetica di Credit Suisse si posizionerà nello stesso modo: pochi rischi, crescita limitata, ma elevata distribuzione di dividendi.

Non è poi da escludere che l'entrata in borsa di Credit Suisse porti a ulteriori transazioni. Con lo scorporo delle attività elvetiche sarebbe eliminato un importante ostacolo che si frappone a un'acquisizione della banca. «Vi potrebbero essere speculazioni riguardo a un possibile nuovo proprietario dell'istituto», spiega Urs Beck di EFG. A suo avviso qualcuno negli Usa potrebbe farci un pensierino.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 00:54:24 | 91.208.130.85