Immobili
Veicoli

UCRAINAL'appello del Ministro delle Finanze: «Serve un'iniezione di miliardi»

12.04.22 - 12:49
Serghei Marchenko ai partner occidentali: «Ci servono aiuti finanziari, prestiti d'emergenza»
Imago
Fonte ats ans
L'appello del Ministro delle Finanze: «Serve un'iniezione di miliardi»
Serghei Marchenko ai partner occidentali: «Ci servono aiuti finanziari, prestiti d'emergenza»

KIEV - Il ministro delle finanze dell'Ucraina Serghei Marchenko ha lanciato un appello per un'iniezione immediata di miliardi di dollari nelle casse statali, per colmare il deficit del paese.

La spesa pubblica ucraina ha superato infatti le entrate di circa 2,7 miliardi di dollari in marzo e Kiev si aspetta che il divario raggiunga i 5-7 miliardi in aprile e maggio a causa della guerra.

«Si tratta della nostra sopravvivenza»
«Siamo sotto grande stress, nella peggiore condizione», ha detto in un'intervista Financial Times. «Si tratta della sopravvivenza del nostro paese. Se volete che continuiamo a combattere questa guerra, per vincere questa guerra . . . allora aiutateci».

Secondo Marchenko i danni alle infrastrutture civili e militari fino ad ora ammontano a 270 miliardi di dollari, e quasi 7'000 edifici residenziali sono stati danneggiati o distrutti. Anche se l'Ucraina ha ricevuto importanti aiuti militari per difendersi dalla Russia, il governo chiede che i partner occidentali concedano aiuti finanziari e approvino prestiti di emergenza da parte del Fmi e della Banca mondiale.

Circa il 30% delle imprese ucraine ha cessato ogni attività e il 45% sta lavorando a capacità ridotta, ha detto Marchenko. Il consumo di energia elettrica è in calo del 35%. Il commercio è crollato, le esportazioni si sono dimezzate tra febbraio e marzo e le importazioni sono diminuite di oltre i due terzi.

La Russia «deve pagare»
Marchenko chiede che la Russia paghi le riparazioni per «la distruzione della proprietà privata e pubblica» e afferma che Kiev ha riunito una squadra legale internazionale per presentare reclami contro Mosca

Il governo ucraino ha continuato a rispettare gli obblighi di pagamento degli stipendi pubblici e delle pensioni, come quelli al servizio del debito pubblico. Il mese scorso ha pagato 292 milioni di dollari su un prestito obbligazionario denominato in dollari con scadenza in settembre. «Molti politici ci consigliano di parlare di ristrutturazione, ma questa non è la nostra politica», dice Marchenko.

Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha detto venerdì di aver aperto un conto per incanalare sovvenzioni e prestiti per l'Ucraina per aiutare a «soddisfare la sua bilancia dei pagamenti e le esigenze di bilancio e contribuire a stabilizzare la sua economia». Marchenko chiede ai Paesi ricchi di utilizzare il conto per incanalare i fondi ricevuti dal Fmi ad agosto per 650 miliardi, come attività di riserva per l'impatto economico del coronavirus. «Tale assegnazione non è stata utilizzata, molti Paesi l'hanno solo parcheggiata», nota Marchenko. «È probabilmente la più facile» forma di sostegno.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE ECONOMIA