keystone-sda.ch / STF (Antonio Calanni)
ITALIA
25.03.2021 - 13:190
Aggiornamento : 13:43

Niente più zone gialle fino a maggio?

L'ipotesi è fra quelle sul tavolo del governo italiano per il dopo Pasqua

La linea del ministro della Salute, Roberto Speranza, punta a una zona arancione nazionale come base di partenza per aprile. Lega e Forza Italia però non ci stanno.

ROMA - Con l'avvicinarsi del fine settimana si riaccende in Italia la discussione sui "colori" che andranno a tingere la Regioni della vicina Penisola. E se da un lato la Pasqua sarà quasi certamente rossa ovunque, il periodo successivo potrebbe impiegare alcune settimane prima di qualche possibile "schiarita".

Tra le ipotesi che trovano spazio sul tavolo del governo Draghi c'è anche quella di una zona gialla che potrebbe non fare più ritorno fino agli inizi di maggio.

La trattativa è serrata e destinata a protrarsi fino alla prima metà della prossima settimana, quando vedrà la luce il nuovo Dpcm. Un braccio di ferro, si legge sui media italiani, che vede da una parte lo schieramento più rigorista dell'esecutivo - guidato dal ministro della Salute Roberto Speranza, con il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle al seguito - e dall'altra la Lega e Forza Italia, che auspicano la reintroduzione della fascia a basso rischio il più presto possibile.

In altre parole, l'ipotesi di un'Italia (almeno) arancione per tutto il mese di aprile sta "spaccando" il governo in due parti. A far pendere l'ago della bilancia saranno con ogni probabilità i dati aggiornati sulla diffusione del virus nella Penisola che la Cabina di Regia renderà noti domani.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-19 14:10:50 | 91.208.130.86