keystone-sda.ch/ (Julien Warnand)
Joseph Muscat lascerà il suo incarico di premier di Malta non prima del 12 gennaio.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
REGNO UNITO
24 min
Il Regno Unito decide, Johnson a un passo dal trionfo
La campagna elettorale per il voto si è chiusa, scatta il conto alla rovescia. La promessa del consevatore: portare a termine la Brexit
FRANCIA
2 ore
Renault: il Cda sceglie Luca De Meo per la direzione generale
Per un effettivo trasferimento del cinquantaduenne milanese a Parigi restano ancora alcuni ostacoli
COLOMBIA
3 ore
Maglione offensivo, la Colombia farà causa a Walmart
Il capo non è più in venduta, ma a Bogotà importa poco
VIDEO
STATI UNITI
4 ore
Piccioni con il cappellino da cowboy
Sono stati avvistati a Las Vegas. Un'organizzazione sta cercando informazioni per aiutarli
UNIONE EUROPEA
4 ore
Il "Green deal" di von der Leyen: emissioni zero nel 2050 e investimenti per 260 mld
Sono questi i punti salienti del piano ambientale per l'Unione Europea presentato dalla presidente della Commissione
STATI UNITI
4 ore
Ceo: 2019 verso il record di addii
Dall'inizio dell'anno hanno salutato le loro società 1480 amministratori delegati
STATI UNITI
4 ore
Sparatoria nella base Usa: l'ufficiale saudita radicalizzato dal 2015
L'ipotesi è quella di un atto terroristico di un lupo solitario
FRANCIA
4 ore
Polanski contrattacca: «Vogliono fare di me un mostro»
Il regista reagisce così all'accusa di una fotografa di essere stata violentata nel 1975 nel suo chalet in Svizzera
PAESI BASSI
6 ore
«Le dichiarazioni di Aung San Suu Kyi contraddicono le prove raccolte»
Save The Children contro la leader birmana
CILE
6 ore
Ampliata l'area di ricerca dell'aereo disperso
Si sta perlustrando una zona di 240 chilometri per 120
MALTA
01.12.2019 - 21:030
Aggiornamento : 21:35

Muscat si dimetterà a gennaio, ora è ufficiale

Non prima della nomina del nuovo leader del partito laburista

di Redazione
Marco Galdi, Ansa

LA VALLETTA - Il premier di Malta Joseph Muscat si dimetterà. Travolto dagli ultimi sviluppi del caso sulla morte della giornalista Daphne Caruana Galizia, Muscat ha annunciato in tv che lascerà il suo incarico una volta eletto il nuovo leader del partito laburista. Quindi non prima del 12 gennaio.

La scelta del premier è maturata nel corso di una riunione del partito e formalizzata con un messaggio al Paese: «È quello che serve in questo momento. Ho sempre detto che un premier non dovrebbe servire per più di due legislature» ha dichiarato Muscat.

La protesta - Sono stati migliaia i cittadini comuni, con la famiglia della giornalista in prima fila, che anche nel pomeriggio della domenica sacra per le famiglie maltesi si sono radunate sotto il Parlamento e sono scese lungo la centralissima Republic Street fino alla sede del Tribunale, davanti al quale da due anni arde un memoriale spontaneo per Daphne che le autorità hanno spazzato via decine di volte, e decine di volte è rinato. «Ladri, ci state rubando la vita e il futuro» ha gridato la voce arrabbiata di Eva, una sedicenne maltese. Uno dei tanti volti sconosciuti, migliaia di mamme e papà, nonni, studenti, che sono tornati in piazza. Per l'ottava volta. Per dire basta ad un intero sistema di vita. «Vergognatevi tutti» hanno cantato. «Muscat, non sei Malta». «Ladri». «Mafiosi» hanno gridato a migliaia, ma con compostezza. Sostanzialmente sfiniti da due anni vissuti in un incubo.

Muscat si difende - Muscat ha sostanzialmente difeso il suo operato: «Ho promesso giustizia nel caso di Daphne Caruana Galizia. Ho mantenuto la mia parola, abbiamo tre persone accusate del suo omicidio e anche la presunta mente incriminata». Il gruppo parlamentare con tutti i ministri e membri del gabinetto si è riunito d'urgenza nella sede estiva del premier, nel palazzo di Girgenti che fu dell'Inquisizione, opportunamente piazzato nell'ovest del paese, lontano dalla Valletta. La decisione finale è stata quella di lasciare Muscat in sella almeno fino a gennaio, quando sarà completato il processo interno al partito per la scelta del successore.

Le indagini - Le indagini sull'omicidio di Daphne Caruana Galizia per ora hanno inchiodato Yorgen Fenech, l'erede del più grande impero economico dell'isola, incriminato ieri sera come mandante. Basta attraversare la folla e fare qualche domanda per capire che un po' tutti sapevano tutto, da sempre, su Yorgen Fenech e sulle sue attività. Con voci che risalgono ai tempi della sospetta ricchezza accumulata dal nonno e capostipite Tumas e moltiplicata dal "geniale" padre Charles. Nella catarsi dell'omicidio Caruana emergono storie antiche, che coinvolgono laburisti e nazionalisti.

Così nella piazza che ancora pochi giorni fa il partito laburista progettava di riconquistare oggi con una manifestazione di orgoglio (poi cancellata venerdì visti gli sviluppi e le spaccature interne), resta protagonista la società civile. La sorella di Daphne ha aperto la giornata lanciando un appello chiaro e netto a nome della famiglia della giornalista uccisa: "Ora noi ci aspettiamo che il primo ministro lasci l'ufficio ed il parlamento con effetto immediato per permettere una libera e piena indagine sull'assassinio di Daphne".

Intanto le ultime rivelazioni sui legami fra l'ex braccio destro di Muscat, Keith Schembri, e l'intermediario Melvin Theuma, e sul tentativo di Fenech, col probabile aiuto dello stesso Schembri, di deviare la colpa sul ministro dell'economia Cardona (oggi riabilitato) con una lettera falsa, hanno fatto scattare il redde rationem nel partito laburista.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 20:44:12 | 91.208.130.86