Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
9 min
La Fed lascia i tassi fermi fra l'1,5% e l'1,75%
La maggioranza dei membri della banca centrale americana prevede tassi invariati nel 2020
REGNO UNITO
36 min
Il Regno Unito decide, Johnson a un passo dal trionfo
La campagna elettorale per il voto si è chiusa, scatta il conto alla rovescia. La promessa del consevatore: portare a termine la Brexit
FRANCIA
2 ore
Renault: il Cda sceglie Luca De Meo per la direzione generale
Per un effettivo trasferimento del cinquantaduenne milanese a Parigi restano ancora alcuni ostacoli
COLOMBIA
3 ore
Maglione offensivo, la Colombia farà causa a Walmart
Il capo non è più in venduta, ma a Bogotà importa poco
VIDEO
STATI UNITI
4 ore
Piccioni con il cappellino da cowboy
Sono stati avvistati a Las Vegas. Un'organizzazione sta cercando informazioni per aiutarli
UNIONE EUROPEA
4 ore
Il "Green deal" di von der Leyen: emissioni zero nel 2050 e investimenti per 260 mld
Sono questi i punti salienti del piano ambientale per l'Unione Europea presentato dalla presidente della Commissione
STATI UNITI
4 ore
Ceo: 2019 verso il record di addii
Dall'inizio dell'anno hanno salutato le loro società 1480 amministratori delegati
STATI UNITI
4 ore
Sparatoria nella base Usa: l'ufficiale saudita radicalizzato dal 2015
L'ipotesi è quella di un atto terroristico di un lupo solitario
FRANCIA
4 ore
Polanski contrattacca: «Vogliono fare di me un mostro»
Il regista reagisce così all'accusa di una fotografa di essere stata violentata nel 1975 nel suo chalet in Svizzera
UNIONE EUROPEA
28.11.2019 - 12:340
Aggiornamento : 18:15

Il Parlamento europeo sta con Greta

L'Eurocamera ha dichiarato l'emergenza climatica e ambientale e ha votato per la ratificazione della Convenzione di Istanbul

di Redazione
ats ans

STRASBURGO - L'Europarlamento dichiara guerra ai cambiamenti climatici. E' storica la presa di posizione dell'aula di Strasburgo che oggi ha proclamato l'emergenza climatica ed ambientale in Europa e nel mondo, la prima volta che lo fa un continente intero, chiedendo a gran voce che l'Unione europea si impegni alla Conferenza delle Nazioni Unite COP25 per una riduzione a zero delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2050.

Nella risoluzione approvata si sollecita la Commissione europea a garantire che tutte le proposte legislative e di bilancio pertinenti siano pienamente in linea con l'obiettivo di limitare il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi centigradi rispetto ai livelli pre-industriali, come chiede l'Accordo di Parigi. Ma Strasburgo non si è fermata a questo. In un'altra risoluzione il Parlamento ha esortato l'Ue a presentare alla Conferenza delle Nazioni Unite una strategia per raggiungere la neutralità climatica al più tardi entro il 2050. I deputati hanno chiesto inoltre alla nuova presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen di includere nel Green Deal europeo un obiettivo di riduzione del 55% delle emissioni di gas serra entro il 2030.

La risoluzione sulla dichiarazione di emergenza climatica e ambientale è stata approvata con 429 voti a favore, 225 contrari e 19 astensioni. Al suo interno c'è anche un emendamento che «chiede a tutti gli Stati membri di concordare» sul fatto di avere «una sede unica del Parlamento europeo». Oltre all'Ecr, hanno votato per l'abolizione della doppia sede di Strasburgo la maggioranza degli eurodeputati del Ppe, di Renew Europe, dei Verdi e di Identità e democrazia (Id), mentre la Sinistra Gue si è spaccata e la maggioranza dei socialisti S&D ha votato contro.

Sono invece stati 430 i sì, 190 no e 34 le astensioni della seconda risoluzione, quella sulla COP25. La Conferenza Onu sul clima a Madrid - dal 2 al 13 dicembre -, è progettata per compiere i prossimi passi cruciali nel processo di cambiamento climatico indicato dal Palazzo di Vetro. Obiettivo chiave è completare diverse questioni relative alla piena operatività dell'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, accordo sul quale pesa il ritiro degli Usa malgrado l'ondata di critiche della comunità internazionale. La conferenza servirà inoltre a puntare ad una roadmap ambiziosa prima del 2020, anno in cui i Paesi si sono impegnati a presentare nuovi ed aggiornati piani nazionali di azione sul clima. Le attività cruciali saranno portate avanti in settori quali l'energia e l'industria, oltre alla finanza, foreste e agricoltura, senza ovviamente dimenticare la tecnologia, le popolazioni indigene, le città e gli oceani.

Commenti
 
Bayron 1 sett fa su tio
Quanti Gretini!!!!
Bayron 1 sett fa su tio
Emergenza climatica = più tasse!
miba 1 sett fa su tio
Quanta ipocrisia!! Ma perché non dicono chiaramente che la presunta emergenza climatica è un'opportunità di quelle che non bisogna lasciarsi scappare per inondare gli stati europei di tasse, sotto tasse, balzelli, multe, sanzioni e chi più ne ha più ne metta? E il nostro paese da buon lecchino naturalmente seguirà a ruota......
Thor61 1 sett fa su tio
@miba Come non condividere. Qualche anno fa la colpa era della "Scomparsa" del petrolio, dopo quasi 20 anni dalla data prevista, il petrolio ABBONDA ancora oggi, poi è arrivato il tema BIO ed ora siamo ai problemi ambientali (Di cui l'"Uomo" ne è la causa) o climatici, in cui l'"Uomo" ha niente a che farci se non in maniera assolutamente irrilevante. In pratica tutte le scuse sono buone per FREGARE il prossimo, in fondo esiste una prassi ormai assodata dei politici, PRIMA si CREA un problema e poi si fa finta di cercare soluzioni ad un problema inesistente. Saluti
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 20:56:58 | 91.208.130.86