keystone-sda.ch/ (FABIO FRUSTACI)
Renzi attacca i magistrati per l'inchiesta sulla fondazione Open.
ITALIA
28.11.2019 - 09:060

Inchiesta sulla fondazione Open, Renzi attacca i magistrati

Di Maio replica: «Va rispettato il lavoro della magistratura»

di Redazione
Ats Ans

ROMA - Il leader di Italia Viva Matteo Renzi va all'attacco sul caso Open: «Quello che è accaduto costituisce un vulnus clamoroso nella vita democratica del Paese. Chi non reagisce accetta che si metta in discussione il principio della separazione dei poteri. E lascia che siano i magistrati a decidere che cosa sia un partito e cosa no».

A queste accuse non si sono fatte attendere le repliche del Consiglio superiore della magistratura, dell'Associazione nazionale magistrati e del ministro italiano della giustizia Alfonso Bonafede a difesa dei magistrati.

Proseguono intanto le perquisizioni della Guardia di Finanza italiana disposte dalla procura di Firenze nei confronti dei finanziatori della fondazione nata per sostenere le iniziative dell'ex premier e che per i pubblici ministeri sarebbe stata «articolazione di partito». Dal canto suo l'amico storico di Renzi, Marco Carrai si difende: «Ho sempre agito nella legge».

Sulla vicenda Open si è espresso anche il ministro degli esteri italiano Luigi Di Maio: «Va rispettato il lavoro della magistratura, mentre la politica può fare la sua parte con la commissione d'inchiesta». Secondo il leader del Movimento 5 Stelle, «serve una commissione d'inchiesta sui finanziamenti ai partiti per scoprire fatti politicamente e moralmente rilevanti».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 19:58:56 | 91.208.130.89