Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
EGITTO
1 ora
Ancora un incidente ferroviario in Egitto: un centinaio di feriti
Un treno è deragliato vicino a Toukh, non lontano dal Cairo. Ci sarebbero anche molte vittime
SUDAFRICA
1 ora
Fiamme sul Table Mountain
Studenti ed escursionisti sono stati fatti evacuare. Pompieri in difficoltà
REGNO UNITO
2 ore
A maggio un concerto di prova senza mascherine
5'000 le persone che potranno godersi un concerto "alla vecchia maniera".
FRANCIA
4 ore
Parigi pare stia pensando di chiudere con AstraZeneca
Più che i casi di trombosi, a irritare la Francia è il ritardo e la lentezza dell'approvvigionamento
REPUBBLICA CECA
4 ore
Quella traccia velenosa che da Salisbury porta in Repubblica Ceca
Gli agenti russi sospettati dell'affaire Skripal indagati da Praga per un'esplosione. E la tensione con Mosca sale
STATI UNITI
5 ore
Sparatoria in un ristorante a Kenosha, 3 morti e un uomo in fuga
Non si pensa a un atto di terrorismo ma piuttosto a un regolamento di conti. 2 persone sono rimate ferite gravemente
REGNO UNITO
7 ore
Si è sciolto l'iceberg più grande del mondo
Pesava quasi un miliardo di tonnellate e si era staccato dall'Antartide nel 2017
ISRAELE
9 ore
Da oggi in Israele la mascherina all'aperto non è più obbligatoria
Il passo, dopo l'esito positivo della campagna vaccinale. Ma al chiuso bisognerà comunque portarla
CANADA
10 ore
In Canada un secondo caso di coaguli con AstraZeneca
Il paziente interessato sarebbe in cura e si starebbe riprendendo
REGNO UNITO
12 ore
Il fegato grasso della discordia
Anche il Regno Unito pensa di bandire il foie gras ma gli allevatori francesi non ci stanno: «Non è crudeltà»
ISRAELE
23.10.2019 - 20:180

Incarico a Benny Gantz, Israele prova a voltare pagina

Il presidente Reuven Rivlin ha incaricato l'ex capo di stato maggiore e leader del partito centrista Blu-Bianco di formare un nuovo esecutivo

TEL AVIV - Israele prova a cambiare pagina e, per la prima volta in 10 anni, per formare il nuovo governo si affida ad un leader diverso da Benjamin Netanyahu. Il presidente Reuven Rivlin, come annunciato nei giorni scorsi, ha incaricato questa sera Benny Gantz, ex capo di stato maggiore e leader del partito centrista Blu-Bianco (primo nelle ultime elezioni di settembre) di dare un nuovo esecutivo al Paese.

«Ho deciso di dare a Benny Gantz il mandato di formare il nuovo governo. Di conseguenza avrà 28 giorni di tempo», ha detto Rivlin dopo aver ricordato la rinuncia di Netanyahu di lunedì scorso e che nelle precedenti consultazioni sono stati «54 i deputati che hanno consigliato di dare l'incarico a Gantz». Gantz avrà dunque lo stesso tempo del suo predecessore per dare vita ad una nuova coalizione che regga come numeri alla Knesset (occorrono almeno 61 seggi su 120) e governi.

«Intendo costruire un governo di unità nazionale liberale a beneficio di tutti i cittadini di Israele», ha subito esordito Gantz dopo l'incarico. «Un governo - ha spiegato - che funzioni, che rafforzi Israele, che prepari l'esercito ad ogni sfida e che aneli alla pace». «Deve essere un governo di riconciliazione nazionale», ha concluso lanciando un avvertimento a Netanyahu che si «concentra sui propri interessi personali» a costo di nuove elezioni. Ma raggiungere il risultato non appare facile: non sono pochi a sostenere che se Netanyahu per ora ha perso la guerra, Gantz ancora non l'ha vinta. E questo dovrà dimostrare nei giorni a seguire se non si vuole arrivare ad un terzo voto popolare in meno di un anno.

Gantz di fatto ha escluso il governo di unità nazionale con il Likud e i partiti religiosi che Netanyahu gli aveva offerto in un ultimo, estremo, tentativo di evitare di passare la mano. Ma allo stato dei fatti - salvo clamorose sorprese - i numeri per ora non sono dalla sua parte. Allo stato attuale può contare, nonostante le indicazioni dei 54 deputati a Rivlin, sui 33 seggi del suo partito più - si dice - quelli dei laburisti e di Campo democratico per un totale di 44, ben lontani dai 61 necessari.

A meno che Avigdor Lieberman, il leader nazionalista laico di 'Israele casa nostra' (8 seggi) - vero king maker della situazione - e la Lista Araba Unita (13 seggi) non decidano di appoggiare dall'esterno un esecutivo di minoranza a guida Gantz. Ed è su questo che la partita sembra aperta. Non a caso oggi Ahmed Tibi - uno dei leader della Lista - ha ammesso che i contatti sono in corso con Blu-Bianco e che l'idea di un appoggio esterno non è poi così peregrina.

Se dalle parole si passasse ai fatti - compreso Lieberman - sarebbe indubbiamente una svolta nella politica israeliana che Netanyahu ha già bollato come "anti-sionista" per eccellenza. La sorpresa potrebbe essere il "regicidio" di Netanyahu da parte del Likud convinto infine che i guai giudiziari del premier uscente alla fine portino a fondo tutto il partito. Ma non sono in molti a scommetterci, anche se Lieberman in una dichiarazione di oggi alla Radio Militare ha sostenuto che i dirigenti del Likud devono trovare solo il coraggio pubblico. Se avvenisse, allora si aprirebbe tutt'altro scenario.

Fatto sta che domani mattina, ad incarico già ricevuto, Gantz incontrerà per prima proprio la delegazione del Likud che, per volontà del premier, rappresenta non solo i seggi del partito bensì dell'intera maggioranza a suo favore. Uno scoglio, ma che Gantz, da coriaceo militare, è pronto ad aggirare. Se fallisse - e se Rivlin non trovasse alcun deputato che alla Knesset raccolga la maggioranza necessaria - non ci sono che le urne. A marzo prossimo.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-18 20:06:56 | 91.208.130.86