Keystone (archivio)
Il segretario di Stato americano è finito nel mirino del ministro coreano Ri Yong-ho.
COREA DEL NORD
23.08.2019 - 07:170

Pyongyang punge Pompeo: «È una pianta avvelenata della diplomazia americana»

Il ministro degli Esteri Ri Yong-ho attacca il segretario di Stato americano, colpevole di frenare i negoziati bilateriali sul nucleare

PYONGYANG - La Corea del Nord resterà «la più grande minaccia» degli Usa finché ci saranno le sanzioni: il ministro degli Esteri Ri Yong-ho ha definito, in una nota rilanciata dalla Kcna, il segretario di Stato Mike Pompeo «una pianta avvelenata della diplomazia americana».

Stando a Ri, Pompeo frena il riavvio dei negoziati bilaterali sul nucleare. I suoi pesanti giudizi si legano ai recenti commenti di Pompeo, secondo cui Washington manterrà le pesanti sanzioni a meno che il Paese eremita non proceda con la denuclerizzazione.

Ri ha osservato che la Corea del Nord è pronta a «frantumare l'assurdo sogno» degli Usa secondo cui le sanzioni sono destinate a produrre cambiamenti nel Paese.

«Sarebbe un errore di calcolo se gli Usa non desiderassero rinunciare al loro aggressivo approccio e tentassero di misurarsi con noi con mezzi quali le sanzioni», ha aggiunto il ministro, per il quale a causa della persistenza di questo atteggiamento «non avremmo altra scelta che lasciarli ai loro sogni o disilluderli».

Il nuovo attacco del Nord giunge all'indomani delle critiche espresse sulla inutilità dei colloqui nel mezzo delle manovre militari congiunte tra Usa e Corea del Sud, mentre Seul si avvia a introdurre i supercaccia F-35 nei suoi sistemi di difesa.

Mercoledì, invece, l'inviato speciale Usa sul nucleare del Nord, Stephen Biegun, ha detto durante la visita a Seul che Washington è pronta a riprendere il confronto con il Nord.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-29 04:03:41 | 91.208.130.85