Keystone (archivio)
I due contendenti alla successione di Theresa May hanno opinioni diverse sulla data di scadenza per l'uscita del Regno dall'UE.
REGNO UNITO
12.07.2019 - 19:010

Brexit, botta e risposta tra Johnson e Hunt

Boris Johnson insiste sul 31 ottobre mentre Jeremy Hunt si attende l’uscita entro Natale.

LONDRA - Nuovo botta e risposta sulla data della Brexit fra i due contendenti alla successione di Theresa May come leader Tory e premier britannico: in interviste separate concesse oggi ad Andrew Neil della Bbc, il favorito Boris Johnson ha insistito sulla scadenza del 31 ottobre, «succeda quel che succeda»; mentre lo sfidante Jeremy Hunt non solo non ha escluso proroghe, ma si è limitato a dire di «aspettarsi» l'uscita dall'Ue entro Natale e di «non credere» che il Regno sarà ancora uno Stato membro nel 2020.

«Io sono onesto con la gente», ha detto Hunt, rivendicando le sue asserite qualità di «negoziatore» - sperimentate nel business, da ministro della Sanità e ora a capo della diplomazia - come la garanzia migliore per poter portare a termine la Brexit «nel più breve tempo possibile»: ma con un accordo.

Johnson al contrario ha ribadito che ulteriori rinvii al di là del 31 ottobre causerebbero «un'enorme erosione della fiducia nella politica». E che «è molto, molto importante» esser «pronti» a uscire per quella data: deal o no deal.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-22 07:27:03 | 91.208.130.85