Keystone
CINA
20.05.2019 - 12:470

Guerra dei dazi: «Se non c'è accordo è colpa degli Usa»

Lo sostiene Pechino che parla di «richieste irragionevoli»

PECHINO (ats ans) - La Cina contesta la "lettura" del presidente americano Donald Trump e nega responsabilità nella mancata intesa relativa al commercio, puntando il dito contro «le richieste irragionevoli» americane.

Non è che Pechino abbia fatto saltare il tavolo, ha detto in conferenza stampa il portavoce del ministero degli Esteri, Lu Kang: «la pretesa americana vuole rendere torbide le acque e spostare la responsabilità su altri. E' stata l'estrema pressione Usa a far naufragare l'accordo», ha osservato.

La ragione di fondo, malgrado gli 11 round negoziali economici e commerciali, è che la parte americana «sta provando a strappare richieste irragionevoli per i suoi interessi attraverso una pressione estrema", provando poi a "confondere l'opinione pubblica spostando la colpa su altri».

L'unico modo di raggiungere una svolta negoziale è affidarsi al «principio del rispetto reciproco».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-16 07:02:13 | 91.208.130.86