KEYSTONE/EPA (RAJAT GUPTA)
Il premier Narendra Modi va verso la riconferma.
+ 6
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
CITTÀ DEL VATICANO
14 min
Abusi sessuali, due preti rinviati a giudizio
STATI UNITI
1 ora
Ubriaca, va a prendere il fidanzato fermato per guida in stato di ebrezza: arrestata
ALBANIA
1 ora
Tusk: «L'Albania merita l'avvio dei negoziati per l'adesione all'Ue»
STATI UNITI
2 ore
Per 1 americana su 16 il primo rapporto sessuale è stato uno stupro
STATI UNITI
3 ore
Sigarette elettroniche: negli Stati Uniti la settima vittima
ITALIA
3 ore
Autobus va fuori strada e finisce contro un albero: 30 feriti
STATI UNITI
4 ore
Manifestazioni per il clima: a New York 1 milione di scolari potranno saltare la scuola
BRASILE
4 ore
Amazzonia: il capo indigeno Raoni proposto per il Nobel per la Pace
ARGENTINA
4 ore
Allarme femminicidio, uccise quattro donne nel fine settimana
ITALIA
6 ore
Greta non è una bimba di Bibbiano
REGNO UNITO
6 ore
«Clamoroso» sgarbo del Lussemburgo contro Boris Johnson
UNIONE EUROPEA
6 ore
Bce: ok del Parlamento europeo alla nomina di Lagarde
STATI UNITI
6 ore
TripAdvisor apre un'indagine sulle sue recensioni: 1 milione sono false
STATI UNITI
7 ore
WeWork rinvia ancora l'esordio in borsa
GERMANIA
7 ore
In Germania allarme per boom di bebé nati con malformazioni alle mani
INDIA
19.05.2019 - 18:170

Modi verso la riconferma

Gli exit poll concordano: la Nda, la coalizione guidata dal Bjp, oggi al governo, dovrebbe riavere la maggioranza, seppure ridimensionata rispetto ai risultati del 2014

NEW DELHI - Gli exit poll concordano: la Nda, la coalizione guidata dal Bjp, oggi al governo, dovrebbe riavere la maggioranza, seppure ridimensionata rispetto ai risultati del 2014, quando aveva ottenuto 336 seggi. Sui media indiani è iniziata infatti la saga delle previsioni, vietate durante la campagna; un tormentone che durerà per quattro giorni, fino al 23 di maggio, quando la Commissione Elettorale renderà noti i risultati definitivi di tutti i seggi.

Secondo gli undici sondaggi resi noti nelle ultime ore, i seggi ottenuti dalla Nda andrebbero dai 242 previsti da Neta-News, ai 306 indicati da Times Now. Una forbice piuttosto ampia caratterizza anche gli exit polls per l'Upa, la coalizione guidata dal partito del Congresso, che vanno dagli appena 118 parlamentari previsti da India News, ai 164 di Neta News.

Gli exit polls sono stati diffusi subito dopo le 18, non appena si sono chiuse le urne per l'ultima delle sette giornate della maratona elettorale indiana per il rinnovo della Lok Sabha, la Camera Bassa, ovvero il Parlamento, iniziata l'11 di aprile.

Al voto quasi cento milioni di elettori, in sette stati e una unione territoriale, per assegnare gli ultimi 59 dei 543 seggi uninominali, per i quali si erano presentati 918 candidati.

Sui media i commentatori sono scatenati nel raffronto di scenari e analisi: se in passato gli exit polls indiani si erano rivelati largamente inattendibili, dal 2014, al contrario, le previsioni si sono decisamente avvicinate ai risultati effettivi.

Si saprà con certezza solo dopo il 23 di maggio quale direzione prenderà il paese: ma ciò che è largamente prevedibile, è che, ancora una volta, Narendra Modi, NaMo, avrà la parte del protagonista, anche se ridimensionato. Come peraltro è accaduto in tutta la campagna elettorale appena conclusa.

La battaglia, infatti, più che sui problemi dell'India e sugli scenari futuri è stata giocata quasi interamente, da entrambe le parti, sulla sua figura, in un crescendo di toni, aggressività e attacchi, che non hanno risparmiato, nelle ultime fasi, neppure le figure dei padri della patria. Se all'inizio si era vagamente insistito sui programmi, e si era discusso di problemi reali, economia in crisi, disoccupazione giovanile, estremismo induista, insicurezza delle minoranze, senso di crescente minaccia per i musulmani, che sono il 14 per cento degli indiani, col passare delle settimane la disputa si è andata trasformando in un vero referendum pro o contro Modi.

Più ancora che sui risultati dei suoi cinque anni di governo e sulle realizzazioni delle promesse del 2014, tuttavia, i quaranta giorni di campagna si sono accentrati sulla figura, sullo stile del Premier, sul suo essere un leader solitario, quasi misterioso, incapace di empatia, ma di grande presa sulle masse; sulla sua enfatizzazione di un induismo integralista ed estremista. Una dimensione che lo stesso Bjp ha decisamente enfatizzato, giocando tutto su Narendra Modi, NaMo, ovunque, in tutta l'India. E, stando agli exit polls, vincendo, di nuovo.

KEYSTONE/EPA (RAMINDER PAL SINGH)
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 19:26:03 | 91.208.130.89