Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
IRAN
21 min
Teheran sequestra una nave emiratina nello Stretto di Hormuz
UNIONE EUROPEA
33 min
Johnson: «Non chiederò un'estensione, la Brexit resta il 31 ottobre»
STATI UNITI
45 min
L'attacco ai pozzi sauditi? Arrivava dall'Iran o dall'Iraq, lo dimostrerebbero delle foto
PARIGI
3 ore
Edward Snowden: «La prego Macron mi conceda l'asilo"
ROMA
3 ore
Estorsioni e violenze, arrestati i capi ultrà della Juve
TELEFONIA
3 ore
Ma quale tramonto per Apple, la domanda di iPhone è superiore alle attese
FRANCIA / SIRIA
3 ore
Le famiglie dei jihadisti francesi accusano Parigi di omissione di soccorso
SERBIA
4 ore
Kosovo: per la premier serba, il compromesso è l'unica soluzione
AUSTRALIA
4 ore
Dieselgate: Volkswagen pagherà 86,5 milioni di franchi in Australia
SVEZIA
5 ore
H&M: le vendite del trimestre estivo battono le stime
ARABIA SAUDITA
5 ore
L'attacco ad Aramco è il peggior danno alla produzione di petrolio della storia
UNIONE EUROPEA
5 ore
Brexit: oggi il primo faccia a faccia tra Juncker e Johnson, che non chiederà un'estensione
IRAN
5 ore
Rohani, nessun incontro con Trump in agenda
FRANCIA
6 ore
Fiamme in casa di riposo: muore un centenario
COLOMBIA
7 ore
Piccolo velivolo precipita pochi minuti dopo il decollo: 7 morti
ITALIA
18.05.2019 - 20:040

Sea Watch a Lampedusa, Salvini: «Finché sarò ministro, la nave non entrerà nel porto»

«Alcuni dicono di volersi auto infliggere delle ferite o addirittura suicidare pur di far finire questa situazione»

LAMPEDUSA - Sea Watch sfida apertamente Matteo Salvini violando il divieto del ministro dell'interno italiano di oltrepassare il limite delle acque territoriali e si ferma a poche centinaia di metri da Lampedusa, chiedendo di poter entrare in porto per «ragioni umanitarie». «Finché io sono ministro dell'interno, quella nave in un porto italiano non entra», replica il titolare del Viminale dal palco della manifestazione di Milano dove, assieme ai leader dei partiti sovranisti europei, rilancia la battaglia contro i migranti: «se vinciamo, in Europa non entra più nessuno».

La decisione di forzare la mano, il comandante della Sea Watch 3 Arturo Centore la prende di prima mattina dopo un consulto con l'equipaggio e con i medici a bordo. La decisione del Viminale di autorizzare venerdì lo sbarco dei soggetti più vulnerabili, le famiglie con i bambini (17 persone di cui 7 minori) e una donna con ustioni gravi, ha infatti gettato nella disperazione i 47 rimasti a bordo.

«Sono in una condizione psicologica negativa - dice Karol, una delle volontarie del team medico - si sentono privi di valore, come se a nessuno importasse di loro. Sono stati privati dei loro diritti». Una situazione che, assieme «al mal di mare e all'assenza di speranza e prospettive, sta rendendo le persone davvero vulnerabili».

Tanto che alcuni di loro avrebbero minacciato di suicidarsi se non verrà autorizzato lo sbarco. «Alcuni dicono di volersi auto infliggere delle ferite o addirittura suicidare pur di far finire questa situazione», conferma Karol, la cui conclusione è una sola: «dal punto di vista medico la situazione non è affatto buona, stiamo mantenendo un equilibrio molto fragile e precario».

Dunque prua verso Lampedusa, nonostante la diffida ribadita anche stamattina dalla Guardia di Finanza. È Giorgia Linardi, la portavoce italiana della Ong tedesca, a metterci la faccia per rendere ufficiale la decisione. «Il comandante è entrato nelle acque territoriali italiane e si dirige verso Lampedusa per ragioni umanitarie - dice in un video -. Le condizioni a bordo, stando alle valutazioni di medici ed equipaggio, supererebbero le motivazioni che hanno portato al diniego, viste le condizioni meteo, con un'onda di tre metri e vento in aumento, e le condizioni psicofisiche delle persone a bordo».

La nave non è però entrata in porto: la Guardia Costiera ha ribadito il divieto d'attracco e ha assegnato un punto di fonda a mezzo miglio a sud dell'isola. E lì rimarrà, secondo Salvini. «La Sea Watch ha disubbidito alle indicazioni di Capitaneria di Porto e Guardia di Finanza. Non può uno Stato farsi dettare le regole dai complici dei trafficanti di esseri umani. Se riaprissimo i porti, come vogliono in parlamento e spero non al governo, ricomincerebbero a morire i migranti».
 
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 15:31:00 | 91.208.130.86